Wise Society : Dal Tubettificio Favia, le 8 regole del packaging consapevole
ARTICOLI Vedi tutti >>

Dal Tubettificio Favia, le 8 regole del packaging consapevole

L'azienda di tubetti di alluminio ha individuato otto punti, che si ispirano ai principi della Carta Etica del Packaging, per un imballaggio sostenibile e responsabile

Maria Enza Giannetto/Nabu
30 luglio 2019
tubettificio favia, alluminio, packaging

Packaging consapevole, Foto: Ufficio Stampa Tubettificio Favia

Necessario, sostenibile, affidabile. E poi, ancora, responsabile e funzionale. Se un bel packaging è sempre stato una forte attrattiva per il consumatore, quello contemporaneo deve caratterizzare fortemente un prodotto in termini di sostenibilità ambientale, un aspetto verso cui il pubblico si dimostra ogni giorno più sensibile. In questo contesto, il Tubettificio Favia – una delle aziende europee leader nella produzione di tubetti di alluminio, in particolare per il settore farmaceutico – ha individuato 8 regole che definiscono una scelta di packaging consapevole.
Otto regole, dal numero che volutamente ricorda l’infinito, in omaggio all’alluminio: materiale infinitamente riciclabile senza mai perdere le caratteristiche originarie. Gli 8 punti si ispirano ai principi della Carta Etica del Packaging, a cui Favia aderisce: un decalogo pensato per tutti gli attori della filiera che fornisce informazioni utili a progettare, produrre e utilizzare imballaggi in modo consapevole.
Un packaging consapevole deve: necessario, sostenibile, zero-spreco, affidabile, funzionale, proteggere il contenuto, valorizzare il brand, essere responsabile.

PACKAGING NECESSARIO. Quando acquistiamo un prodotto il suo packaging è davvero indispensabile? O il prodotto potrebbe essere venduto anche senza? Questa è una domanda che il consumatore si pone sempre più spesso. Pellicole di plastica, vaschette che contengono alimenti e scatole di cartone spesso sono un di più che un semplice cambio di mentalità consentirebbe di evitare.

PACKAGING ECOSOSTENIBILE. Il tema della sostenibilità ambientale è al centro dell’agenda politica internazionale e anche il mondo imprenditoriale non può sottrarsi al confronto. Il packaging è prodotto con materiale riciclabile? È sostenibile? Il suo riciclo avviene con modalità di risparmio energetico o di riduzione degli sprechi?

PACKAGING ZERO SPRECO. Non sprecare è un mantra che sta molto a cuore al consumatore contemporaneo. Zero spreco significa che il packaging deve consentire un utilizzo del prodotto fino alla fine, facilitandone la fruizione fino all’ultima goccia e senza obbligare il consumatore a intervenire per esempio manomettendo la confezione.

PACKAGING AFFIDABILE. Il materiale con cui è fatto il packaging è resistente? È un materiale che resiste alle possibili sollecitazioni esterne? Se cade si rompe? È fragile? Resiste agli urti? Consente di allungare la vita del prodotto sullo scaffale? Al momento di scegliere un prodotto il consumatore a parità di caratteristiche si trova a preferire un prodotto il cui packaging è garanzia di una conservazione più facile e duratura. O che può addirittura essere riutilizzato in seguito.

PACKAGING FUNZIONALE. Il packaging rende il prodotto facilmente fruibile? Per molti prodotti la confezione diventa uno strumento di utilizzo e questo necessita di determinate caratteristiche. È facilmente richiudibile per consentirci di lasciare il prodotto in confezione evitando di usare altri contenitori?

PACKAGING PROTETTIVO. Il contenuto è prezioso e va conservato nel modo migliore. Il materiale con cui è realizzato il packaging lo consente? È un materiale che funge da schermo verso gli agenti esterni? È igienico e garantisce che il contenuto non si contamini quando la confezione viene aperta?

PACKAGING COMUNICATIVO. Il packaging deve valorizzare il brand: una confezione anonima è negativa per un prodotto, quindi il packaging deve saper parlare al consumatore. In primis del brand che rappresenta e meglio ancora se del prodotto stesso. Ciò non significa solo che deve essere bello, ma che deve attirare l’attenzione e deve poter contenere informazioni, utili per il consumatore, creando un filo diretto di comunicazione fra il brand e il suo pubblico.

PACKAGING RESPONSABILE. Una delle maggiori preoccupazioni delle aziende oggi è la percezione della propria mission e dei propri valori da parte del consumatore. In che modo l’etica aziendale emerge attraverso i propri prodotti? È chiara la mission che viene proposta? Il packaging come viene prodotto? L’azienda si occupa di sostenibilità? La filiera produttiva rispetta i lavoratori?

tubettificio favia, alluminio, packaging

Per il Tubettificio Favia il packaging è fondamentale, Foto: Ufficio Stampa Tubettificio Favia

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6907 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20739 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24147 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32037 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1532 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6928 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32042 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 29483 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32038 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2391 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 126 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2173 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32041
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY