Wise Society : Terremoto, se lo previeni lo eviti
ARTICOLI Vedi tutti >>

Terremoto, se lo previeni lo eviti

Grazie al progetto europeo PanGeo, oltre 50 città europee – in Italia Roma e Palermo – potranno conoscere i movimenti del terreno nel proprio territorio e, se necessario, mettere in atto azioni di salvaguardia

Francesca Tozzi
10 Settembre 2012

tutela del territorio terremoto rischio sismico PanGeo ISPRADi terremoti di recente si è parlato molto  a causa di quello che è successo in Emilia Romagna. E si è parlato anche di prevenzione insufficiente come sempre capita in questi casi. D’altra parte, l’Italia è un paese geologicamente giovane e ancora da studiare per quando riguarda il rischio sisimico e le operazioni da mettere in atto per scongiurarlo.

Da qui nasce PanGeo – Enabling access to geological information in support of Gmes, un progetto europeo mirato a offrire un servizio gratuito che controlli nel tempo i movimenti verticali del terreno, monitorando gli eventuali rischi geologici ad essi connessi. Progetto al quale l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) ha contribuito offrendo le proprie competenze. Coinvolgerà oltre 50 città europee ma potrebbero essere di più in futuro. Per l’Italia partecipano Roma e Palermo.

 Tramite PanGeo queste città potranno conoscere i movimenti verticali del terreno in corso nel proprio territorio, per poi, eventualmente, mettere in atto azioni di salvaguardia. Il progetto triennale, finanziato dalla Commissione Europea e coordinato da Fugro Npa Limited (Gran Bretagna), azienda leader per la fornitura di servizi in campo geologico, prevede il coinvolgimento operativo di tutti i Servizi Geologici dei 27 Stati membri dell’Ue e di un core team, composto, tra gli altri, da EuroGeoSurveys e la European Federation of Geologists. I dati che verranno utilizzati sono quelli satellitari (PsinSar) derivanti da progetti in ambito Gmes, incrociati con altri dati di terreno in possesso dei Servizi Geologici. A Roma Ispra ha già avviato una fattiva collaborazione con il Comune che ha messo a disposizione i dati territoriali e geologici in proprio possesso per rendere l’informazione completa e il servizio il più efficace possibile.

Il Servizio geologico d’Italia (Ispra) realizzerà entro la fine dell’anno, sia per Roma che per Palermo, le carte (Ground Stability Layer) che conterranno la delimitazione, tramite poligoni, delle aree caratterizzate da terreno instabile cui verranno associate schede descrittive del fenomeno (Geohazard Summary) con dati e informazioni a supporto. In seguito tutte le informazioni verranno pubblicate sul Portale di PanGeo e rese fruibili gratuitamente.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13732 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14722 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14721 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 40 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1140
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY