Wise Society : Rifiuti organici, la raccolta raggiunge 6,6 milioni di tonnellate
ARTICOLI Vedi tutti >>

Rifiuti organici, la raccolta raggiunge 6,6 milioni di tonnellate

Lo dicono i dati del Consorzio Italiano Compostatori: grazie alla lavorazione di questa frazione sono stati ottenuti 2 milioni di tonnellate di compost e risparmiate 3,8 milioni di tonnellate di CO2

Maria Enza Giannetto
20 febbraio 2019

La raccolta differenziata, lentamente ma costantemente, continua a crescere nel nostro paese. Sono 6,6 milioni le tonnellate di rifiuti organici (umido, verde e altre matrici organiche)  raccolte nel 2017 con un aumento dell’1,6% e con un peso del 40,3% sul totale della differenziata. I dati emergono dall’analisi annuale sulla raccolta differenziata del rifiuto organico e degli impianti italiani, realizzata dal Consorzio Italiano Compostatori a partire dai dati del “Rapporto Rifiuti Ispra 2018“.

rifiuti organici, raccolta differenziata, cic

In base ai dati raccolti dal Consorzio Italiano Compostatpori sono 6,6 milioni le tonnellate di rifiuti organici (umido, verde e altre matrici organiche) raccolte nel 2017 con un aumento dell’1,6% e con un peso del 40,3% sul totale della differenziata, Image by iStock

«In generale – spiega Massimo Centemero, direttore del CIC –  c’è stato un calo nella produzione dei rifiuti in Italia, scesi a 29,6 milioni di tonnellate (- 1,7% rispetto all’anno precedente) e la raccolta differenziata ha raggiunto una percentuale del 55,5%». Il dato procapite di rifiuto organico a livello nazionale passa, infatti, da 107 a 108 con una differenza sostanziale tra il Centro Nord e il Sud. Se nelle regioni settentrionali la raccolta del rifiuto organico si attesta a 127 kg/abitante per anno, in quelle centrali si scende a 114 kg/abitante mentre al sud ci si ferma a 83 kg/abitante per anno dal Sud. È la Lombardia, nonostante una leggera flessione rispetto al 2017, a confermarsi al primo posto per quantità di frazione organica raccolta con 1,2 milioni di tonnellate annue.

«Bisogna continuare a lavorare nelle regioni del Centro e del Sud per raggiungere l’obiettivo al 2025 che è di 9.150.000 tonnellate di rifiuto organico di raccolta – sottolinea il presidente Cic, Alessandro Canovai -. Sicuramente una spinta arriverà grazie al recepimento del pacchetto sull’Economia Circolare approvato dalla Unione Europea nel giugno 2018 e che ha imposto come obbligatoria la raccolta differenziata del rifiuto organico entro il 2023».

rifiuti organici, raccolta differenziata, cic

Nel 2017 sono stati prodotte quasi 2 milioni di tonnellate di compost che hanno consentito, tra l’altro, un notevole risparmio in termine di CO2, Image by iStock

L’IMPIANTISTICASul fronte dell’impiantistica in Italia si è passati da 326 a 338 strutture che, complessivamente, sono in grado di trattare circa 7,4 milioni di tonnellate (+4% rispetto al 2017) di rifiuti. L’impiantistica è concentrata soprattutto al Nord Italia. «Uno squilibrio –  sottolinea Alessandro Canovai – che costringe il Centro e il Sud Italia a trasferire i propri rifiuti organici in altre regioni con enorme  dispendio di denaro e CO2. Stiamo lavorando con il ministero dell’Ambiente per delineare un percorso strategico che definisca le aree su cui intervenire con tempestività».

IL COMPOST –  Secondo le stime, dai rifiuti organici raccolti nel 2017 sono stati prodotte quasi 2 milioni di tonnellate di compost, il 64% da compostaggio e il restante 36% da digestione anaerobica e successivo compostaggio, che hanno contribuito a stoccare nel terreno 600.000 tonnellate di sostanza organica risparmiando 3,8 milioni di tonnellate di CO2 equivalente/anno rispetto all’avvio in discarica. Dai dati emerge anche l’andamento della digestione anaerobica che nel 2017 ha trattato più del 50% dell’umido raccolto in forma differenziata.

«Il trattamento delle frazioni organiche selezionate con la digestione anaerobica – sottolinea Massimo Centemero – permette di recuperare materia ed energia: oltre al compost si ottiene infatti anche il biogas, che può essere trasformato in biometano per l’immissione in rete. Recentemente il Cic si è fatto promotore della produzione di biometano e sono già entrati in funzione 8 impianti consorziati Cic (di cui 2 sperimentali) in grado di produrre biometano dal trattamento dei rifiuti organici della raccolta differenziata urbana e di immettere il biometano nella rete di nazionale o di impiegarlo  per l’autotrazione». Un settore con importanti ricadute economiche e occupazionali: nel 2016 il volume d’affari generato dal biowaste è stato pari a 1.8 mld di fatturato, mentre i posti di lavoro generati  9.800.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9526 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23933 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 29357 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2119 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23600 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27235 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21997 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31266 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31259 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1523 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31260 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12958 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28122
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY