Wise Society : La plastica? Si trova anche a 11.000 metri di profondità
ARTICOLI Vedi tutti >>

La plastica? Si trova anche a 11.000 metri di profondità

La scoperta è stata realizzata dall'esploratore americano Victor Vescovo durante una immersione con un sottomarino nei fondali della Fossa delle Marianne nell'Oceano Pacifico.

14 maggio 2019

Un’amara scoperta o semplicemente una conferma della presenza della plastica in qualsiasi angolo della superficie terrestre. Dopo le montagne dell’Himalaya, i fiumi del pianeta, i mari, è stato dimostrato che la plastica alberga ormai anche nel pavimento degli oceani. Del resto in passato le stesse Nazioni Unite avevano stimato che la quantità di plastiche scaricate negli oceani del mondo ammontino a circa 100 milioni di tonnellate diventando in alcuni casi cibo (indigesto) per cetacei e mammiferi che vivono nelle profondità dei mari.

plastica, fossa delle marianne, victor vescovo

Victor Vescovo è sceso a 10928 metri stabilendo un record di profondità ma ha trovato la plastica, Foto: ©ReeveJolliffe

A documentare questo ennesimo scempio nei confronti della natura, è stato un esploratore Texano, Victor Vescovo, che a bordo di un piccolo sottomarino progettato per resistere a forti pressioni – il DSV Limiting Factor – , è sceso a quasi 11.000 metri nelle acque della Fossa delle Marianne nell’Oceano Pacifico vicino a Guam ad est delle isole Filippine. «E’ stata una grande delusione osservare come l’inquinamento umano sia arrivato fino a questo punto. Il paesaggio lì sotto sembra quello lunare, eppure ci sono moltissime forme di vita. Continuando a scandagliare il fondale marino ho scoperto quelli che a prima vista sembravano 1 o 2 pezzi di materiale prodotto dall’uomo», ha dichiarato all’Agenzia Reuters il 56enne ufficiale della marina in pensione e fondatore di Insight Equity Holdings, un fondo di private equity americano.

plastica, fossa delle marianne, victor vescovo

Anche nel pavimento dell’Oceano Pacifico alla Fossa delle Marianne a quasi 11.000 metri di profondità si trovano pezzi di plastica, Foto: fivedeeps.com, Atlantic Productions for Discovery Channel

Vescovo, che con questa immersione nel cosiddetto Challenger Deep ha raggiunto i 10.928 metri ritoccando il record di immersione in profondità realizzato nel 1960 dalla marina americana, ha notato dei residui di plastica – un sacchetto e una carta di caramella – che giacevano sul fondo del mare proprio mentre osservava specie marine quasi mai viste prima d’ora come calamari con zampe larghe e antenne o maiali di mare traslucidi simili a cetrioli marini.

https://www.youtube.com/watch?v=exB3EWsnJKg

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31702 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31703 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31700 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 30018 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 719 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3954 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2391 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31701 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 29175 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31699
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY