Wise Society : PETE: la coppetta fotovoltaica che raccoglie energia
ARTICOLI Vedi tutti >>

PETE: la coppetta fotovoltaica che raccoglie energia

Dalla California arriva una teconologia più efficiente e che lavora meglio alle alte temperature

da greenMe.it
31 Agosto 2010

Polycrystalline solar-cells found at Tübingen's sportshall, foto di Björn Appel

Photo Enhanced Thermionic Emission, ovvero (grossomodo): “fotointensificatore a emissione termoionica”.

È questa l’ultima novità nel settore del fotovoltaico che arriva dalla California. Si tratta di un dispositivo, messo a punto da un gruppo di ingegneri della Stanford University, che promette di rivoluzionare l’idea stessa di pannello solare. O, meglio, di cella fotovoltaica.

Il PETE, sigla con cui viene indicato il dispositivo, è infatti pensato per funzionare in modo radicalmente diverso. La differenza principale sta nel fatto che, al contrario dei sistemi tradizionali, la cui efficienza è inversamente proporzionale alla temperatura sviluppata, l’efficienza del PETE, è direttamente proporzionale alla temperatura stessa. Per dare un’idea, mentre le celle fotovoltaiche cui siamo abituati, quelle in silicio, raggiungono il cosiddetto “picco di efficienza” intorno ai 100° gradi, le celle PETE (in realtà delle specie di coppette), dovrebbero rendere in modo ottimale anche a 200° gradi.

Il segreto sembra sia nei diversi materiali impiegati, primo fra tutti il nitruro di gallio, un semiconduttore a gap diretta, che consentirebbero di utilizzare, oltre che l’intero spettro solare (e non più solo una parte di esso, come per le celle in silicio) anche il calore prodotto come scarto del processo. Esistono già diversi sistemi che trasformano tale calore in energia; il problema è che si attivano solo ad altissime temperature, e cioè, come sopra, proprio nel caso in cui la cella solare rende meno. La soluzione, dunque, era riuscire a combinare le due prestazioni in un unico dispositivo. E questo, appunto, sembra essere l’obiettivo raggiunto dal progetto PETE.

«Dopo aver colpito il dispositivo» spiega Nick Melosh, coordinatore del gruppo di ricerca, «il calore in eccesso viene convertito da appositi sistemi presenti nel Pete, il quale ha quindi due grossi benefici nel processo di produzione di energia rispetto alla normale tecnologia». Il rendimento stimato passerebbe, in base agli esperimenti condotti finora, dal 20 al 30%, ovvero: più 50%. A cui andrebbe aggiunto il fattore economico dei materiali utilizzati: minor quantità necessaria, costo più basso e disponibilità maggiore.

 

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 510 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 390 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1929 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2173 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 447 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2391 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 292 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21997 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32853 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33086
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY