Wise Society : L’hamburger di laboratorio che salverà il pianeta
ARTICOLI Vedi tutti >>

L’hamburger di laboratorio che salverà il pianeta

Grazie a Frankenburger, hamburger artificiale creato dallo scienziato Mark Post, si ridurranno i consumi di acqua e suolo e si produrranno meno gas serra

30 luglio 2013

Image by © Ocean/CorbisCi sono voluti anni di ricerche ma alla fine l’hamburger realizzato in laboratorio è diventato realtà. Si chiama Frankenburger ed è stato creato da un gruppo di scienziati guidati dall’olandese Mark Post dell’Università di Maastricht che ha avuto l’idea di prelevare dai bovini alcune cellule staminali e di tentare di riprodurle in laboratorio. È così riuscito a ricavare dalle cellule, lasciate a riposare in provetta immerse in un liquido ricco di nutrienti, piccoli pezzi di muscolo di circa 2 centimetri di lunghezza commestibili.

Una scoperta che seppur costosa-250.000 sterline messe a disposizione dal governo olandese e da un anonimo benefattore– promette di trasformare l’industria della carne riducendo drasticamente i suoi impatti sul pianeta. Secondo le previsioni della Fao, infatti, entro il 2050 il consumo mondiale raddoppierà e la carne è destinata a diventare cibo di lusso se non si fa qualcosa subito. Del resto, i consumi di carne in un paese come il Regno Unito sono impressionanti. Si calcola che ciascun cittadino in media ne mangi circa 85 chili l’anno, in molti casi più del suo peso corporeo. Cioè una media di 33 polli, un maiale, tre quarti di una pecora e un quinto di una mucca. Stop dunque ad allevamenti con milioni di animali rinchiusi: «Attualmente stiamo usando solo il 70% della nostra capacità agricola di creare carne di allevamento. Stiamo andando nella direzione di non avere più alternative nel breve periodo», commenta Mark Post. Che crede che il nuovo prodotto potrà essere commercializzato e venduto nei supermercati di tutto il mondo entro dieci anni.

Il 5 agosto Frankenburger verrà servito a Londra per una degustazione pubblica. Ma chi l’ha già assaggiato in anteprima dice che il gusto non è proprio quello del manzo, ma ricorda più quello di una seppia. Il colore poi è tendente al grigio e non al rosso. Pero ora il processo per realizzare un singolo hamburger è molto lungo, ma si pensa che tra circa 10 anni la carne prodotta in questo modo raggiungerà i supermercati di tutto il mondo.

Secondo gli scienziati del team di Mark Post grazie al consumo del nuovo prodotto e degli altri tipi di carne ‘sintetica’, la terra destinata agli allevamenti si ridurrà del 99%, si avrà un risparmio dell’utilizzo di acqua -fra l’82% e il 96%- e si produrranno fra il 78% e 95% in meno di gas serra.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21203 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 399 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21204 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1197 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 658 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2778 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21205 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21202
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY