Wise Society : Le mani di Cosa Nostra sui rifiuti
ARTICOLI Vedi tutti >>

Le mani di Cosa Nostra sui rifiuti

Il successo dell'operazione Sisma svela ancora una volta come il ciclo dei rifiuti sia uno dei mercati d’affari preferito dai clan mafiosi

Francesca Tozzi
17 aprile 2012

All’alba di oggi i Carabinieri di Palermo hanno arrestato cinque persone per mafia ed estorsioni. Favorivano Cosa Nostra negli appalti in un Comune del palermitano. L’operazione antimafia “Sisma” condotta dalla Procura di Palermo, che ha portato a questi arresti, ha permesso di far luce su come Cosa Nostra avrebbe gestito il ciclo dei rifiuti dell’Ato4 di Palermo, di cui fanno parte 22 Comuni, penetrando all’interno del Coinres, il Consorzio intercomunale rifiuti energia servizi. «Gli arresti di questa mattina in provincia di Palermo testimoniano ancora una volta come il ciclo dei rifiuti sia uno dei mercati d’affari preferito dai clan mafiosi. Da almeno vent’anni le organizzazioni criminali hanno investito in questo settore guadagnando immensi profitti a fronte di pochi rischi a causa delle lacune normative. E anche il caso palermitano testimonia come il business dell’ecomafia siciliana si alimenti anche attraverso l’infiltrazione nella gestione “legale” del ciclo dei rifiuti inquinandolo» sottolinea Stefano Ciafani, vice-presidente di Legambiente.

«In provincia di Palermo – aggiunge Mimmo Fontana, presidente Legambiente Sicilia – è la terza operazione che la magistratura fa scoprendo la presenza radicata delle organizzazioni mafiose nella gestione dei rifiuti. E per quanto riguarda il Coinres, si tratta del peggiore Ato della Sicilia; quindi ciò che è avvenuto questa mattina non ci sorprende. C’è inoltre da aggiungere che il coinvolgimento sia di un candidato al consiglio comunale di Palermo sia del presidente del consiglio comunale di Misilmeri, dimostrano come nei reati legati ai rifiuti, come in quelli ambientali, sia evidente come il potere mafioso si rafforza anche grazie alla collaborazione dei colletti bianchi». Le infiltrazioni mafiose nel ciclo dei rifiuti legali hanno contributo anche al fallimento di diversi consorzi in Sicilia, che in totale hanno accumulato un miliardo di debiti. Pochi sono i consorzi siciliani che sono riusciti a lavorare in totale pulizia e trasparenza, ma sono senz’altro da prendere come esempio.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12121 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12118 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12116 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12117 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12122 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12123 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12114 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12119 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 309 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1386 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12115 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7226 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12120 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 566 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12124
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY