Wise Society : Le città più ecomobili d’Italia
SPECIALE : Mobilità sostenibile
ARTICOLI Vedi tutti >>

Le città più ecomobili d’Italia

Francesca Tozzi
8 febbraio 2012

Torino è la città italiana più virtuosa dal punto di vista della mobilità sostenibile. Seguono Venezia e Milano. Al quarto posto Brescia, subito dopo Parma. Roma è solo al ventesimo posto. Palermo è la prima città del Sud ma solo al ventiquattresimo posto nella classifica generale. Le più insostenibili? Campobasso e Foggia. E intanto i cittadini chiedono più biciclette e incentivi per le auto a gpl e metano. Euromobility fa il punto della situazione nel suo ultimo rapporto “Mobilità sostenibile in Italia: indagine sulle principali 50 città”, quinta edizione elaborata con il contributo di Assogasliquidi, Consorzio Ecogas e Bicincittà e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Foto di Fernando Stankuns/flickrIl capoluogo piemontese si aggiudica il trofeo italiano di città più “eco-mobile” d’Italia grazie a un trasporto pubblico che funziona, al miglior car sharing della penisola e a un efficiente servizio di biciclette messe a disposizione dei cittadini, nonché a una quota significativa di auto a basso impatto ambientale e a una elevata sicurezza sulle strade cittadine. Condizioni che tutte insieme non riescono tuttavia a far rientrare i valori di inquinamento atmosferico nei limiti a causa delle sfortunate condizioni climatiche che interessano Torino e tutto il bacino padano. Nella “top ten”, che vede sul podio tutte città del Nord, tranne Firenze al nono posto, ci sono Venezia che guadagna il secondo posto, seguita da Milano, Brescia e Parma. Dal sesto all’ottavo posto troviamo Bologna, Padova e Bergamo, mentre al decimo posto si piazza Genova. Fanalini di coda nella classifica della mobilità sostenibile, Campobasso e Foggia.

Si arricchisce in questa quinta edizione l’insieme degli indicatori di cui si è tenuto conto per stilare la classifica: oltre alle innovazioni introdotte per la gestione della mobilità (car sharing, bike sharing, mobility manager, ecc) e alla loro efficacia, allo stato di salute delle città in relazione alla presenza di auto di nuova generazione o alimentate a combustibili alternativi (gpl, metano), all’offerta di trasporto pubblico, alle piste ciclabili, all’adozione di strumenti di gestione e di pianificazione del traffico, si è tenuto anche conto del numero di parcheggi di scambio e di quelli a pagamento, del numero di incidenti e dell’indice di mortalità, del numero di autovetture per km2, della qualità dell’aria e delle iniziative di promozione e comunicazione a favore della mobilità sostenibile. Per le innovazioni (car sharing, bike sharing ed eventi di comunicazione) si è anche tenuto conto dei miglioramenti registrati nel 2011. Le 50 città monitorate sono tutti i capoluoghi di Regione, i due capoluoghi delle Province autonome e le città con una popolazione superiore ai 100.000 abitanti.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 664 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7366 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20638 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6589 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 643
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY