Wise Society : La pesca FAD: Fishing Aggregating Devices
ARTICOLI Vedi tutti >>

La pesca FAD: Fishing Aggregating Devices

5 maggio 2013

Foto di Phillip Capper/flickrFAD, dall’inglese Fishing Aggregative Devices, non sono altro che oggetti galleggianti che attraggono gli organismi marini, ne esistono sia naturali, realizzate con tronchi d’albero, foreste semi sommerse ad esempio di bambù, etc. sia artificiali come vere e proprie zattere con localizzatore ed ecoscandaglio. Sono sempre stati utilizzati per massimizzarne la pesca, non solo del tonno.

Il progetto Dolphin Safe dell’Earth Island Institute partito alla fine degli anni ’80, ha interrotto la pesca del tonno che veniva praticata sfruttando il fatto che i tonni si aggregano sotto i delfini, ma portava all’uccisione di milioni di delfini all’anno, mentre oggi si è arrivati a poche migliaia.

Per ricreare l’effetto aggregante svolto dai delfini, sono nati i FAD, oggetti galleggianti che forniscono una protezione dai predatori più grandi, attirando naturalmente i tonni di piccole dimensioni e altre specie spesso in pericolo, come ad esempio le tartarughe marine o gli squali balena.

Due sono le tipologie di FAD utilizzate dalle flotte che pescano tonno, con localizzatore satellitare o con localizzatore radio.

Il loro utilizzo nasce per massimizzare la pesca del tonnetto striato, di taglia piccola anche da adulto, infatti a 40-50cm ha già raggiunto la maturità sessuale.

Ai banchi di tonnetto striato si aggregano però anche gli esemplari giovanili di altre specie come il tonno a pinne gialle, che raggiunge la maturità sessuale oltre il metro di lunghezza, e il tonno big eye, i quali finchè immaturi e di taglia piccola rimangono sotto i FAD, mentre da adulti, per la maggiore capacità natatoria, si trovano esclusivamente in banchi liberi.

Il problema della pesca del tonnetto striato con reti a circuizione associate ai FAD, consiste nelle catture di esemplari giovanili di altre specie tra cui il tonno a pinne gialle, mettendone in pericolo la sostenibilità a lungo termine degli stock.

Foto di TheAnimalDay/flickr

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20806 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20807 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20805 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20804 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11096 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20787 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20808
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY