Wise Society : Il cemento invade il paradiso della tartaruga caretta
ARTICOLI Vedi tutti >>

Il cemento invade il paradiso della tartaruga caretta

Un resort a soli trenta metri dal mare rischia di distruggere l'habitat naturale del carapace sulle spiaggie di Galata in Calabria

da La Repubblica
23 luglio 2010

Piccolo di caretta caretta, foto di National Park Service

A Galati, la città delle tartarughe in provincia di Reggio Calabria, all’interno dell’area più importante d’Italia per il numero delle nidificazioni, cemento, pale e inerti avanzano senza che nessuno li fermi. Secondo Legambiente, il 70% delle nidificazioni di tutta Italia avviene in questa zona. In quella stessa area, nel 2006, grazie al progetto Tartanet, è nato il Centro per il soccorso e il recupero delle tartarughe marine, motivato proprio dalla massiccia presenza di questi animali. 

Ora, a soli trenta metri dal mare, un ventina di villette sono già in piedi, quasi ultimate. Il progetto della società costruttrice che si chiama La Rosa dei Venti prevede anche un centro commerciale, un albergo club house, impianti sportivi, piscine,  campi da golf a 18 buche nel territorio a maggior rischio desertificazione della provincia reggina. Il tutto per un’estensione di 11.42 ettari. Il risultato, dice Legambiente, è che «il sito italiano preferito dalle tartarughe caretta caretta è a rischio. Brancaleone si sta trasformando da paese delle tartarughe in paradiso sacrificato sugli altari del cemento.» Sono tanti gli elementi che mettono a rischio la nidificazione: tra questi anche l’illuminazione, i rumori, la pulizia della spiaggia con mezzi meccanici.

E’ per questo che Goletta Verde ha assegnato una Bandiera Nera, poco ambito riconoscimento ai nemici del mare, «a chi ha la responsabilità di aver danneggiato diverse centinaia di metri quadrati di ecosistema dunale nella più importante area italiana di nidificazione per la tartaruga marina»: destinatari l’amministratore della RDV srl, l’amministrazione comunale di Brancaleone, il Dirigente del Settore Pianificazione Territoriale della Provincia di Reggio Calabria e il Dirigente della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio.

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3527 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 510 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 390 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 566 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2173 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2391 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 292 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 183 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21997 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9482
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY