Wise Society : Il Canale di Sicilia è minacciato dalle trivelle
ARTICOLI Vedi tutti >>

Il Canale di Sicilia è minacciato dalle trivelle

Per proteggere un'area unica nel Mediterraneo per l'alta biodiversità, Greenpeace ha avviato la campagna “U mari nun si spirtusa”, sottoscritta da oltre 57.000 persone

Francesca Tozzi
15 ottobre 2012

trivelle sostenibilità ambientale petrolio ISPRA inquinamento dellacqua inquinamento ambientale idrocarburi Greenpeace fonti fossili Canale di Sicilia biodiversità marina biodiversitàGrandi foreste di gorgonie e coralli di profondità attraversate da specie ittiche di interesse commerciale come il nasello e la triglia ma anche da specie vulnerabili o a rischio di estinzione, quali la balenottera comune, gli elasmobranchi (una varietà di squali) e varie specie di tartarughe. Non è il Mar Rosso ma il Canale di Sicilia anche se le due aree hanno in comune la delicatezza dell’ecosistema e un alto grado di biodiversità. Il Canale, che rappresenta un’area unica in tutto il Mediterraneo e ospita alcuni degli habitat più caratteristici come i vulcani sottomarini e i banchi d’alto mare, è al centro delle preoccupazioni degli ambientalisti.

Greenpeace, che in collaborazione con l’Ispra ha organizzato una spedizione scientifica per esplorarne i fondali, lancia l’allarme: su quegli stessi fondali gravano 29 richieste per la ricerca del petrolio nell’area, di cui 11 già autorizzate. I permessi per l’estrazione di idrocarburi già concessi sono tre, per un totale di quattro piattaforme al largo delle coste siciliane, e tre sono le concessioni di coltivazioni in via di valutazione. L’interesse delle compagnie petrolifere preoccupa l’associazione che per fermare le trivelle ha avviato la campagna “U mari nun si spirtusa”, sottoscritta da oltre 57.000 persone e più di 50 sindaci insieme al governo regionale siciliano. L’appello è stato consegnato ai direttori generali responsabili della Valutazione di Impatto Ambientale e della Protezione della Natura e del Mare del ministero per l’Ambiente anche se ancora il Ministro Clini non si è espresso con chiarezza in merito all’articolo 35 del Decreto “Cresci Italia”.

 Greenpeace Italia chiede il blocco immediato di ogni processo di autorizzazione per progetti di ricerca e perforazione off-shore; la definizione di Siti di interesse comunitario per tutelare le aree marine del Canale; l’istituzione della Zona di protezione ecologica; lo sviluppo di misure di monitoraggio, prevenzione e repressione dell’inquinamento marino in generale e, in particolare, di quello derivante da idrocarburi. L’obiettivo dell’iniziativa è la tutela del Canale di Sicilia e del Mar Mediterraneo, che vanta il 25% di specie endemiche, cioè animali e piante che vivono esclusivamente in quest’area. Uno scrigno di tesori naturalistici, ma anche di idrocarburi disciolti, visto che – stando ai dati dell’Unep – nelle sue acque finiscono ogni anno 100-150.000 tonnellate di idrocarburi, la percentuale più alta tra i mari del mondo.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 390 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1185 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 15032 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8912 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 472 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10646 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20638 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6591 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13732 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7976 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3527 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 15013
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY