Wise Society : Emissioni in atmosfera? L’Europa non si accorda
ARTICOLI Vedi tutti >>

Emissioni in atmosfera? L’Europa non si accorda

A 15 anni dal Protocollo di Kyoto, le trattative sul taglio delle emissioni di sostanze inquinanti non stanno portando a una politica internazionale condivisa. E intanto la situazione peggiora

Francesca Tozzi
25 maggio 2012

Foto di twicepix/flickrLe Nazioni Unite si sono riunite per discutere sul taglio delle emissioni ma le trattative si sono dimostrate difficili riproponendo i soliti contrasti tra Paesi più ricchi e Paesi in via di sviluppo. L’obiettivo comune e riconosciuto è quello di riuscire a limitare le emissioni di carbonio che, secondo gli scienziati, sono la causa principale del surriscaldamento del pianeta. La questione che hanno dovuto affrontare gli inviati riuniti a Bonn, in Germania, è stata come dividere il carico dei tagli: secondo i Paesi più poveri, sono i ricchi che dovrebbero assumersi la responsabilità maggiore, avendo nel corso degli anni passati emesso più sostanze nocive degli altri. L’obiettivo delle nazioni più sviluppate è invece fare in modo che le economie in rapida crescita come India e Cina, Paese che inquina più al mondo, non abbiano benefici sproporzionati.

 Artur Runge-Metzger, capo negoziatore dell’Unione europea, ha sottolineato che c’è una situazione di stallo. Si sarebbe dovuti partire da un accordo raggiunto a dicembre a Durban, in Sud Africa, che prevedeva la creazione di un nuovo patto globale sul clima entro il 2015 con i Paesi ricchi e i Paesi poveri egualmente impegnati a tenere a freno le emissioni causate dalla combustione di petrolio e altri combustibili fossili. Ma dopo quasi due settimane di colloqui, pochi sono i progressi e le parti restano ferme sulle proprie posizioni, interpretando in maniera diversa le conclusioni di Durban. E non è solo sul clima che l’Europa, ultimamente, ha avuto qualche problema nell’equa spartizione di sacrifici e benefici.

Dagli anni ’90, pochi sono stati i successi nella riduzione delle emissioni in atmosfera. Gli impegni presi sono nettamente inferiori a quello che gli esperti ritengono necessario. L’unico trattato vincolante esistente, il Protocollo di Kyoto del 1997, è stato respinto dagli Stati Uniti perché non impone limiti di emissione alla Cina, escludendo così da vincoli i due principali inquinatori del mondo. Dovrebbe scadere quest’anno, ma i Paesi a Durban hanno concordato di estenderlo, sebbene non sia ancora chiaro per quanto tempo. Canada, Giappone e Russia hanno comunque rifiutato di rinnovare gli impegni previsti dal protocollo, che riguarderebbe quindi appena il 15% delle emissioni globali.

Fonte: LaPresse/AP

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13193 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3073 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11818 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1846 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 589 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20638 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6589 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6855 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13192
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY