Wise Society : Commissione europea: dal 2015 stop ai gas per la generazione del freddo
ARTICOLI Vedi tutti >>

Commissione europea: dal 2015 stop ai gas per la generazione del freddo

Entro il 2020 la restrizione riguarderà anche gli impianti industriali

Ilaria Lucchetti
3 ottobre 2012

inquinamento dellaria inquinamento ambientale emissioni zero emissioni CO2 effetto serraTra tre anni saranno messi fuori legge i gas HFC, gli idrofluorocarburi, che vengono utilizzati per il raffreddamento di condizionatori, frigoriferi e congelatori a uso domestico. A stabilirlo, la Commissione europea in considerazione del fatto che queste sostanze hanno un valore inquinante in termini di effetto serra molto alto, superiore a quello dell’anidride carbonica fino a 30 mila volte. Cinque anni più tardi, dal 2020, sarà poi la volta della messa al bando di questi gas negli impianti industriali.

Nel dettaglio, il progetto di regolamento impedisce la vendita e l’importazione di impianti di refrigerazione, di condizionamento d’aria e delle pompe di calore che sfruttano i gas HFC, bloccando così, oltre ai frigoriferi, ai freezer e ai condizionatori, anche i solventi, le schiume isolanti e gli aerosol.

Naturalmente la decisione, volta a migliorare la sostenibilità ambientale e a ridurre l’emissione di agenti inquinanti, ha innescato la reazione delle aziende europee produttrici, che dovrebbero affrontare costi stimati di molte decine di milioni di euro per riconvertire la produzione. Inoltre in futuro potrebbero nascere anche guerre commerciali con i Paesi extraeuropei che non avrebbero più la possibilità di esportare nell’Ue.

Su posizioni naturalmente opposte si schierano invece le associazioni ambientaliste e i gruppi industriali che, da tempo, preferiscono puntare sui refrigeranti naturali. Anche se, denunciano, la lotta è impari perché nelle azioni di lobbing a favore degli HFC sono stati investiti circa 24 milioni di euro.

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *