Wise Society : Troppe calorie, meno memoria
ARTICOLI Vedi tutti >>

Troppe calorie, meno memoria

Secondo l'Associazione di neuropsicologia Assomensana, il tipo di alimentazione scelta incide direttamente sulle funzioni cognitive e sui processi di memoria. Per rallentarne il decadimento è necessario limitare l'apporto calorico e modificare la dieta limitando gli alimenti sazianti ma troppo grassi e preferendo quelli vegetali.

Francesca Tozzi
22 Marzo 2012

Sembra che assumere con la dieta quotidiana troppe calorie faccia male alla memoria: mangiare troppo indebolisce quindi la capacità di ricordare. A sostenerlo è l’Associazione di neuropsicologia Assomensana che, in occasione della Settimana di prevenzione per la memoria, iniziata il 19 marzo e in vigore fino al 24, spiega la dieta migliore per aumentare la funzione cognitiva.

Foto di planetc1/flickrMa attenzione: come spiega il Presidente di Assomensana Giuseppe Alfredo Iannoccari, la relazione tra eccesso di calorie e decadimento cognitivo di cui parla anche l’Organizzazione mondiale della sanità, è determinata non tanto dalla presenza delle calorie extra, ma dal tipo di alimentazione che gli individui assumono e che determina un surplus di energia. Una dieta ricca di fritti, dolci e in generale di grassi saturi e zuccheri semplici con apporti calorici che oscillano dalle 2100 e le 6000 calorie espone chi le assume a un maggior rischio di sviluppare diabete e patologie cardiovascolari. È confermato dai dati dell’Oms, ed è abbastanza noto. Forse lo è di meno l’effetto sulla memoria che risente della scarsità di nutrienti benefici e dell’abbondanza di sostanze potenzialmente nocive. Dedicarsi oltre il dovuto al mangiare impegna troppo il sistema digerente a scapito degli altri apparati sottraendo sangue e ossigeno alle aree cerebrali e alla loro espressione cognitiva. Per rallentare quindi il decadimento della memoria gli anziani dovrebbero ridurre le calorie quotidiane e modificare la dieta, limitando gli alimenti sazianti ma troppo grassi e preferendo quelli vegetali.

Nel corso della Settimana di prevenzione per la memoria è possibile prenotare un check-up neuropsicologico personale presso uno degli oltre 150 specialisti di Assomensana per avere indicazioni su misura su come migliorare la memoria attraverso uno stile di vita sano, una dieta adeguata ed esercizi di ginnastica mentale mirati.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6164 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 319
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY