Wise Society : Stop all’obesità infantile a scuola e al supermercato
ARTICOLI Vedi tutti >>

Stop all’obesità infantile a scuola e al supermercato

Da settembre l'educazione alimentare dei ragazzi ha uno strumento in più, un nuovo portale che metterà in contatto mondo scolastico e industria alimentare che, comunque, già da tre anni sta lavorando per ridurre le porzioni e offrire cibi più sani

Francesca Tozzi
27 luglio 2012

I ragazzi italiani mangiano male come dimostrano i dati più recenti: uno su dieci è obeso e uno su tre è sovrappeso. La colpa è di un’alimentazione troppo ricca di proteine e zuccheri e scarsa di fibre, ma soprattutto delle porzioni esageratamente abbondanti. Molti di loro sono destinati a portarsi dietro, in eredità dall’infanzia, la ciccia di troppo perché gli adipociti, ovvero le cellule di grasso che si formano nell’infanzia, non vengono mai eliminate: nel dimagrimento si sgonfiano ma restano nella stessa quantità. In questo senso è importante l’accordo per l’educazione alimentare nelle scuole che è stato appena firmato nella sede del Miur fra il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo e il presidente di Federalimentare Filippo Ferrua.

 L’iniziativa “Il Gusto fa Scuola”, già sperimentata e inserita in questo protocollo d’intesa, coinvolgerà da settembre oltre 77.000 classi delle scuole medie italiane, circa 1 milione e 600 mila alunni e le rispettive famiglie. Il tutto coadiuvato dal lancio del sito www.ilgustofascuola.it, portale dedicato a insegnanti, famiglie e ragazzi che promuove l’interazione tra il mondo scolastico e il mondo della produzione, offrendo consigli ai ragazzi relativi all’attività fisica da svolgere a casa e su come realizzare ricette facili e veloci. Il sito rimanda anche alle Linee Guida Inran per una sana alimentazione.

Ma la scuola può fare poco se il mondo della produzione non collabora con delle proposte più “sane”. E in effetti qualcosa si sta muovendo in questo senso. Ferrua ha evidenziato che “negli ultimi tre anni l’industria alimentare italiana ha ridimensionato le porzioni di 3.500 prodotti e immesso sul mercato oltre 4.000 prodotti nuovi o ”riformulati” (ovvero migliorati da un punto di vista nutrizionale), riducendo o eliminando, per esempio, acidi grassi trans, zuccheri, colesterolo, grassi saturi, sale e altri ingredienti il cui consumo eccessivo non e’ in linea con una corretta dieta alimentare”.

Foto di HD Valentin/flickr

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14576 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6849 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6172 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10657 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11264 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12475 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 397 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 333 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 330 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14577
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY