Wise Society : Nasce TrustDelivery, l’app che traccia le consegne di cibo
ARTICOLI Vedi tutti >>

Nasce TrustDelivery, l’app che traccia le consegne di cibo

Realizzata dalla start up pOsti in collaborazione con EY, l'applicazione garantisce il rispetto delle misure di sicurezza messe a punto dalla FIPE e la loro tracciabilità in blockchain attraverso un’etichetta-sigillo antimanomissione

Maria Enza Giannetto
28 aprile 2020

L’emergenza Covid-19 ha trasformato sempre di più il food delivery in una soluzione apprezzata dai consumatori e in una grande opportunità per il comparto della ristorazione.Tra le poche persone che girano per le nostre città ci sono i rider che, a bordo delle loro bicilette, portano da una parte all’altra della città la loro cesta gialla o verde consegnado a domicilio i piatti prelevati dai ristoranti. Consegne che, però, non possono prescindere dall’attenzione verso l’igiene, le procedure di sanificazione e la tracciabilità del percorso del piatto.

App TrustDelivery: una checklist di misure e un sigillo di garanzia

Da questa necessità è nata trustDelivery, l’applicazione che prevede, sia per il ristoratore e sia per il rider,  l’esecuzione di una checklist di misure che monitorano con un sigillo di garanzia digitale la preparazione, il confezionamento e la consegna del cibo.

Realizzata da pOsti, la start up che valorizza e certifica le ricette regionali, in partnership con la società di servizi EY, l’app trustDelivery garantisce il rispetto delle misure di sicurezza messe a punto dalla Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE) – e la loro tracciabilità in blockchain.

tracciabilità sigillo di garanzia sicurezza alimentare sanificazione QR code POsti igiene food delivery food fipe EY etichetta sigillo delivery CoVid 19 app

Foto: 123rf

Un QR code per verificare la procedure di sicurezza

«La nostra sfida è dare al consumatore ancora più fiducia sul cibo ricevuto a domicilio – spiega Virgilio Maretto, Co-Founder & CEO di pOsti – in particolare, abbiamo preso come riferimento le linee guida emanate dalla FIPE in termini di procedure di sicurezza e abbiamo lavorato a una soluzione, affinché anche il piatto mangiato a casa sia degustato con la massima tranquillità».

Ogni confezione è caratterizzata da un’etichetta-sigillo antimanomissione con un QR-code applicato dal ristoratore che il consumatore potrà consultare per verificare le procedure di sicurezza eseguite periodicamente dal ristoratore e dai rider e recensire la sua esperienza di delivery con particolare riferimento al rispetto da parte del rider di tutti i presidi di sicurezza previsti.

L’uso della blockchain garantisce transazioni immutabili

Fondamentale per trustdelivery è l’utilizzo della blockchain, la tecnologia basata su un registro pubblico e distribuito, strutturato come una catena di blocchi dove le transazioni, una volta memorizzate, diventano immutabili. Inoltre, ogni acquisto è connesso alle verifiche nel continuo tramite smart contract del rispetto dei presidi di sicurezza di ciascun attore ed il ristoratore, il rider e lo stesso consumatore diventano copromotori di un consumo sicuro, a tutela di tutti gli attori della filiera.

«Abbiamo voluto supportare il settore della ristorazione – sottolinea Giuseppe PerroneBockchain HUB Mediterranean Leader di EY – attraverso l’infrastruttura EY OpsChain Traceability, garantendo trasparenza nelle attività di food delivery e avvicinandolo sempre di più al consumatore. Infatti, grazie alla tecnologia Blockchain di Ethereum i clienti potranno beneficiare della verifica delle corrette pratiche di sicurezza sanitaria adottate da ristoratori e rider».

Un sigillo e una tutela che, di fatto, mirano anche ad accrescere la consapevolezza dell’importanza della sicurezza nella filiera del cibo. Non solo in tempi di emergenza sanitaria.

«Il nostro contributo a questa brillante iniziativa di pOsti e EY – dichiara Lino Enrico Stoppani, Presidente Fipe-Confcommercio – è per far crescere la consapevolezza dei ristoratori sull’importanza di esplorare nuovi segmenti di business e al contempo di comunicare al consumatore la sicurezza del cibo consegnato a casa».

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 15154 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33086 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33434 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33435 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33436 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22680 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 294 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33431 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8601 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33437 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22780 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33432 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 400 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33433 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8416
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY