Vedi tutti >>
Banca Popolare di Sondrio
Gruppo bancario popolare

Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è una delle prime banche italiane ispirate al movimento popolare cooperativo del credito. Il capitale sociale, pari a circa 925 milioni di euro, è distribuito fra oltre 173.000 Soci, che in larga parte sono anche clienti.

In quanto banca cooperativa si rivolge soprattutto a famiglie, piccole e medie imprese e istituzioni, con un personale di oltre 2.550 dipendenti, e una rete territoriale di 300 filiali. Oltre all’attività primaria il Gruppo promuove iniziative a sfondo culturale e una raffinata attività editoriale.

Social banking

Il carattere sociale di banca popolare (con l’adesione ai principi universali del Global Compact delle Nazioni Unite) e la politica anti discriminatoria  verso le collettività di migranti ha favorito la realizzazione di prodotti e servizi destinati a soddisfare le loro esigenze con un nuovo modello di business, denominato social banking.

Tra i prodotti più significativi c’è quello denominato “Rimesse emigrati”, che offre ai lavoratori stranieri la possibilità di trasferire in modo veloce, sicuro ed economico, denaro dall’Italia verso i Paesi d’origine, ma anche prodotti bancari di base (WORKinITALY) promossi per avvicinare i potenziali clienti stranieri al mondo bancario.

Arte e cultura in primo piano

Alla valorizzazione e alla divulgazione del pregio e della bellezza del patrimonio artistico della BPS, cresciuto negli anni anche grazie ad attività di vero e proprio mecenatismo, è dedicata un particolare iniziativa, unica nel suo genere: La Galleria d’Arte.

Si tratta di un innovativo progetto di comunicazione online, attraverso il quale la banca rende pubblico e accessibile (con una visita guidata virtuale di collezioni e palazzi) il proprio patrimonio artistico formatosi nel corso degli ultimi cinquant’anni attraverso molte acquisizioni e iniziative culturali.

Inoltre attraverso la fondazione ProVinea  promuove iniziative finalizzate sia alla tutela e valorizzazione del territorio, sia alla difesa dell’ambiente.

Solidarietà

Il Gruppo è molto attivo anche in questo settore, ha organizzato progetti e raccolte fondi in occasione di calamità naturali di particolare gravità (lo tzunami in Sri Lanka nel 2004) per i terremotati dell’Emilia (nel 2012) e da diversi anni opera nei Paesi in via di sviluppo, collaborando con la fondazione Pro-Africa finanziando iniziative legate alla promozione della salute e dell’istruzione.