Zygmunt Bauman: quest’economia ci consuma

Monica Onore
8 gennaio 2017

Da qualcuno Zygmunt Bauman è considerato un pessimista, perché ritiene che “l’insicurezza nella nostra società resterà, qualunque cosa accada.” All’opposto qualcuno lo ritiene un ottimista perché solo attraverso l’accettazione della realtà, e quindi dell’incertezza, si potrà vivere una vita più aperta al futuro. Lui non si definisce nè l’uno, nè l’altro. E attraverso la storia del dissidente cecoslovacco Vaclav Havel ci ricorda le armi che possiamo usare per cambiare il mondo. Il coraggio, la tenacia e la speranza. Sono qualità umane molto normali, popolari, comuni. Ognuno di noi ha una certa dose di coraggio, non tanto, ma un po’. Ognuno di noi mostra una certa tenacia in alcune circostanze. E tutti speriamo sempre che qualcosa possa cambiare. In una certa misura queste sono armi che tutti possiedono

 

CONOSCI IL PERSONAGGIO
Zygmunt Bauman
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2897 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2991 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2899 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2898 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2990 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1821
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY