Il no profit aiuta i giovani a essere più competenti

Sara Donati
24 luglio 2013

Imparare a usare la propria testa e non a ripetere ciò che qualcun altro ha detto di fare. Essere consapevoli che il lavoro deve essere di beneficio anche per  gli altri. Ecco i grandi valori formativi che trasmette l’esperienza di operare nel mondo del no profit. Un insegnamento che, secondo il manager Roger Abravanel, ogni giovane tra i 16 e i 24 anni dovrebbe apprendere

 

 

CONOSCI IL PERSONAGGIO
Roger Abravanel
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6779 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1816 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6782 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6262 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6879 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6781 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6778 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6775 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 279 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1316 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2558 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6780 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2576 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6770 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6783 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1763
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY