SPECIALE : Città in verde

Andrea Branzi: l’architettura nelle città di oggi “soffre”

30 maggio 2011

In epoca di globalizzazione l’architetto riflette sul concetto di infinito e su come l’architettura contemporanea si basi sul concetto opposto di chiusura, di perimetri molto definiti e di come non riesca più ad essere protagonista dello spazio urbano perché attorno ad essa non c’è più il vuoto ma solo una grande densità.

CONOSCI IL PERSONAGGIO
Andrea Branzi
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6251 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1292 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6275 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1266
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY