Wise Society : Yoga contro la depressione
SPECIALE : Attacchi di panico
ARTICOLI Vedi tutti >>

Yoga contro la depressione

La pratica costante dello yoga non risolve il problema della depressione e dell'ansia ma contribuisce ad alleviarne i sintomi. Una ricerca scientifica ha fornito l'ennesima conferma

Francesca Tozzi
30 gennaio 2013

Foto di Grand Velas Resort/flickr Lo yoga è efficace nella cura della depressione: un’ulteriore conferma viene dagli Stati Uniti dove un team di ricercatori del Duke University Medical Center ha svolto un’indagine su campioni di persone sofferenti di depressione, ansia e insonnia.

I risultati, pubblicati sulla rivista “Frontiers in psychiatry”, hanno dimostrato che questa disciplina può alleviare di molto i sintomi nei pazienti che non prendono contemporaneamente alcun medicinale anti-depressione. Per esempio, su 70 volontari anziani, tutti diagnosticati clinicamente come sofferenti di depressione, il 40% ha evidenziato un netto miglioramento psicologico già dopo sei mesi e con una sola seduta di yoga alla settimana .

Una ginnastica dolce che fa quindi bene all’anima quanto al corpo e che, a differenza delle cure a base di farmaci, è totalmente priva di effetti collaterali e praticabile a tutte le età. Un aspetto da considerare dato che la depressione sta diventando un’emergenza mondiale – l’OMS prevede che entro il 2020 il male oscuro sarà la patologia più diffusa dopo le malattie cardiovascolari – mentre gli antidepressivi, insieme agli ansiolitici, sono ai primi posti nella classifica dei farmaci più venduti. Questo non significa che lo yoga o la meditazione possano sostituire, quando necessario, un’adeguata cura farmacologica o il sostegno della psicoterapia ma piuttosto che in alcuni casi è possibile lavorare su se stessi per stare meglio.

Con la pratica costante dello yoga si impara a gestire la sofferenza perché questa disciplina, utilizzando il respiro e particolari posizioni, insegna a osservare le sensazioni e le emozioni, anche quelle negative, e ad accettarle per consentire loro di andarsene. C’è anche una ragione biochimica: la pratica degli asana aiuta a contrastare la depressione e l’ansia perché riduce il cortisolo e l’adrenalina, abbattendo lo stress e attivando una reazione di rilassamento. Una volta attivata questa reazione, molte persone, anziché cercare di sfuggire alle sensazioni che provano, sentono di poterle accettare. A volte l’ansia è infatti causata più dalla paura di provare emozioni negative e dal tentativo di evitarle piuttosto che dalle emozioni stesse.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 466 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12445 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10522 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 552 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1748 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 707 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1498 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1480 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 484
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY