Wise Society : Guardi lo smartphone al buio? occhio alla cecità transitoria
ARTICOLI Vedi tutti >>

Guardi lo smartphone al buio? occhio alla cecità transitoria

A sollevare il problema un neuroftalmologo inglese in una ricerca pubblicata sul New England Journal of Medicine. A preoccupare però anche i possibili danni al nervo ulnare a causa della poistura del gomito

Fabio Di Todaro
14 luglio 2016

Guardare lo smartphone al buio può portare alla cecità preventiva, Image by iStockSmanettare con lo smartphone nel letto non è cosa giusta. Gli specialisti lo dicono da tempo: un simile comportamento rischia di alterare i ritmi di sonno e di veglia, tanto dei ragazzi quanto degli adulti. Ma c’è un altro aspetto legato all’abuso di tecnologia che finora è stato poco indagato: la possibile cecità transitoria. Tenere lo sguardo incollato al display luminoso di un cellulare di ultima generazione in un ambiente buio può infatti provocare una temporanea perdita della visione. Le ricadute di un simile fenomeno restano ancora da indagare, anche se al momento sono da escludere danni permanenti alla vista.

CECITÀ TRANSITORIA: DI COSA SI TRATTA? – A sollevare il problema è stato Gordon Plant, neuroftalmogo del Moorfield’s Eye Hospital di Londra, in un articolo pubblicato sul «New England Journal of Medicine». Il ricercatore ha riportato il caso di due pazienti, di 22 e 40 anni, che gli hanno raccontato di aver perso più volte la vista di un solo occhio, per un periodo di circa quindici minuti. Mentre la segnalazione della ragazza era riferita alle ore notturne, quella della donna faceva riferimento ai primi istanti successivi al risveglio. Ad accomunare le due storie, stando a quanto dichiarato dalle pazienti e verificato attraverso l’osservazione in ospedale, l’abitudine a guardare il proprio smartphone sdraiate a letto con la luce spenta, girate su un fianco: con un occhio semichiuso e l’altro fisso lo schermo del cellulare. In questo modo un organo risultava adattato al buio, l’altro alla luce. In entrambi i casi l’occhio che per un periodo limitato di tempo non è più stato in grado di mettere a fuoco l’ambiente circostante era quello con cui le due donne stavano guardando lo schermo dello smartphone.

MA PER LA VISTA NON CI SAREBBERO PARTICOLARI PERICOLI – Questa atipica forma di cecità, nata dal talvolta eccessivo uso della tecnologia digitale, non sarebbe però pericolosa, secondo lo specialista. A dettarla, il tempo richiesto dall’occhio «attivo» per adattarsi all’oscurità dell’ambiente.  A detta di Plant, sulla base delle abitudini attuali, «presentare un simile quadro potrebbe aiutare i colleghi a riconoscere una condizione che rischia di aumentare, in termini di incidenza». Per quanto non in grado di mettere a repentaglio il senso della vista, la cecità transitoria si aggiunge allo spettro di condizioni che possono aumentare a causa dell’eccessivo utilizzo di smartphone e tablet. Secondo gli specialisti si è riscontrato, negli ultimi anni, un netto incremento dei casi di miopia, soprattutto tra i giovanissimi. Un trend che va di pari passo con la digitalizzazione e non accenna ad arrestarsi: alcune previsioni sostengono che nel prossimo decennio il quaranta per cento della popolazione faticherà a vedere da lontano.

MEGLIO TRASCORRERE PIU’ TEMPO ALL’ARIA APERTA – Il segreto per mantenere intatta è la vista risiede nella scelta di trascorrere più tempo all’aria aperta. Negli ultimi anni diversi studi – condotti soprattutto su popolazioni infantili – hanno sostenuto questa tesi. I bambini che trascorrono molte più ore negli spazi esterni sono meno soggetti a diventare miopi rispetto ai coetanei che trascorrono il tempo libero in casa: questa la principale conclusioni di diversi recenti lavori. Per preservare la vista, dunque, occorre dare un taglio alla vita «digitale», che se eccessiva è in grado anche di peggiorare la qualità del sonno, aumentare lo stress e il rischio di problemi cardiovascolari.

UNO STRESS ANCHE PER GOMITO E NERVI DEL BRACCIO – Negli ultimi giorni i cellulari sono finiti sul banco degli imputati anche per i possibili danni agli arti superiori. Ricercatori dell’istituto di neurologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore hanno Oltre alla cecità transitoria l'uso scorretto dello smartphone può produrre problemi al nervo ulnare,Foto United Soybean Board/Flickrinfatti dimostrato che usare il telefonino – specie per lunghe telefonate – può mettere a dura prova il nervo del braccio (ulnare) con fastidi, formicolii e difficoltà di movimento che possono estendersi anche alle dita della mano. Il gruppo di ricerca ha studiato gli effetti meccanici determinati dalla postura che normalmente viene assunta durante le chiamate al cellulare. Bisogna considerare, infatti, che la durata di una chiamata con un telefono cellulare può variare da alcuni minuti a qualche ora (nei casi più estremi). In tal modo il gomito risulta piegato per un tempo piuttosto lungo. Questa postura prolungata causa uno stress meccanico sul nervo ulnare, che normalmente si trova proprio dietro al gomito. Un problema che può essere risolto quasi totalmente utilizzando il viva voce e gli auricolari.

Twitter @fabioditodaro

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11286 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26286 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 273 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26289 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26285 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26288 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26290 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1849 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 432 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26287 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 492
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY