Wise Society : La “low dose medicine” è sempre più vicina
ARTICOLI Vedi tutti >>

La “low dose medicine” è sempre più vicina

I farmaci a basso dosaggio di citochine e senza effetti collaterali, utili per stimolare la risposta immunitaria potrebbero rappresentare il futuro delle cure pediatriche

2 gennaio 2015

Foto Ufficio stampa GunaUtilizzare i farmaci senza doversi preoccupare degli effetti collaterali, semplicemente perché non esistono. È questo il sogno di chiunque si ammali ed è anche l’obiettivo della cosiddetta “low dose medicine”, ovvero una classe di farmaci a bassa concentrazione di citochine, ormoni e neuropeptidi. La ricerca scientifica, prima, e i trial clinici, poi, hanno dimostrato che nonostante i bassi dosaggi gli effetti terapeutici dei farmaci sono gli stessi rispetto all’utilizzo di alte dosi.

Questo perché la visione di tipo organicistico del nostro corpo ha lasciato il passo a quella di network cellulare in cui cellule, organi e sistemi sono in continuo dialogo tra di loro sia in condizioni fisiologiche che patologiche. L’attenzione della “low dose medicine” si è quindi focalizzata sul ruolo delle molecole messaggere che  possono agire come farmaci aiutando l’organismo ammalato a tornare alle sue originarie condizioni fisiologiche grazie alla somministrazione orale di dosi basse di molecole messaggere attivate.

In questo modo la “low dose medicine”, per esempio,  potrebbe essere fondamentale nella cura dei piccoli pazienti: attraverso l’utilizzo di basse concentrazioni di citochine, che sono le proteine che regolano la funzione degli organi immunitari, si potrebbe far sì di ripristinare le normali funzioni fisiologiche degli organi atti a difendere l’organismo senza aggredirli come fanno i farmaci tradizionali, ma stimolandoli a una maggiore reattività.

A tirare le somme sulle ricerche è Guna, azienda impegnata  nel settore della produzione e distribuzione di farmaci di origine biologico-naturale, ed intenta a dimostrare che la teoria scientifica della “low cost medicine” può rappresentare «la base per un nuovo paradigma medico e terapeutico», come spiega l’ad Alessandro Pizzoccaro.

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23607 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23606 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1745 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21158 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23608 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2764 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22709
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY