Wise Society : La fibra di bamboo che sta bene sulla pelle
ARTICOLI Vedi tutti >>

La fibra di bamboo che sta bene sulla pelle

Dal mondo dello Yoga una linea di abbigliamento dal design ergonomico e rispettosa dell’ambiente

19 dicembre 2014

Foto shenxy/FlickrNon solo cibo per i panda. Da oggi il bamboo viene usato anche per confezionare abiti, maglie, top, completi e stole dai tagli lineari.

Morbida come seta al tatto, altamente traspirante che evita la tendenza ad accumulare umidità e sudore rimanendo fresca d’estate e calda d’inverno, la fibra del bamboo contiene la pectina del miele, salutare per la pelle e impermeabile ai raggi U.V. Ma grazie al fatto di crescere in pochi centimetri di terra e in condizioni atmosferiche estreme e con limitatissimo bisogno di irrigazione, la sua coltivazione è altamente sostenibile. Senza contare che le sue proprietà antibatteriche rendono superfluo l’uso di fertilizzanti e pesticidi consumando quattro volte più C02 degli alberi e producendo il 35% di ossigeno in più.

E’ con questo tessuto – ma anche con altri come il cachemire e il cotone – che viene realizzata la linea Wearessential creata da Elena Vitale, appassionata dell’antica pratica orientale e con una forte sensibilità verso la social responsibility che sostiene attraverso attività e studi nel corporate.

Una linea con capi lavorati con tutta la qualità artigianale italiana dedicata alla donna e dove ogni indumento viene cucito con cura e controllato nei minimi dettagli.

Linea in fibra di bambooCapi pensati per essere indossati in qualsiasi momento e ovunque come recita il claim in inglese ‘multiwear, anytime, anywhere’. Ma soprattutto durante la pratica dello yoga a cui è dedicata una intera linea (yogaessential) in cui sono rappresentati i quattro punti cardine equilibrio-evoluzione-energia-essenza per favorire il flusso dell’energia  vitale con il movimento del corpo e ritrovare l’armonia. «Ciascuno di questi elementi richiama un disegno yoga originale arricchito dal simbolo AUM, che è il comune denominatore di una storia di prodotto fatta di pratica, etica e qualità. Ci siamo ispirati ad alcuni particolari raffigurati su antichi tessili indiani di una collezione personale, legandoli a questi valori insiti nello yoga», racconta a wisesociety.it Elena Vitale. Che aggiunge: «Tra i nostri progetti futuri c’è anche il potenziamento del progetto Yoga Fusion di Linda Germanis,  che utilizza lo yoga in maniera terapeutica, come processo di riconciliazione e reintegrazione  per la risoluzione dei conflitti nei paesi del terzo mondo».

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23583 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23584 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22718 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23585 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13386 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23587 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23586
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY