Wise Society : Il maestro che offriva a tutti la meditazione
ARTICOLI Vedi tutti >>

Il maestro che offriva a tutti la meditazione

Satya Narayan Goenka, maestro di meditazione, ha seguito U Ba Kin per quattordici anni. Poi si è trasferito in India, dove ha cominciato a insegnare. Senza più fermarsi

di Monica Onore
10 marzo 2010

Buddha, foto di Akuppa/flickr

Il Centro Vipassana Dhamma Atala segue gli insegnamenti del Maestro Satya Naryan Goenka e si trova a Lutirano presso Marradi, in provincia di Firenze.

Satya Narayan Goenka, di origine indiana, è nato in Birmania nel 1924 dove per quattordici anni ha seguito l’insegnamento del maestro U Ba Kin. Nel 1969, di ritorno dall’India, ha cominciato a insegnare la meditazione Vipassana. In un Paese ancora diviso da differenze di casta e di religione, i corsi raccoglievano donne e uomini provenienti da ogni strato sociale e molti stranieri da tutto il mondo.

S.N. Goenka ha insegnato a decine di migliaia di persone in centinaia di corsi organizzati sia in India che altrove, in Oriente e in Occidente. Oltre 130 centri di meditazione sono sorti sotto la sua guida in India, Nepal, Sri Lanka, Birmania, Tailandia, Cambogia, Taiwan, Mongolia, Giappone, Australia, Nuova Zelanda, Spagna, Francia, Italia, Belgio, Germania, Svizzera, Regno Unito, Canada e Stati Uniti, e corsi vengono tenuti regolarmente in molti altri Paesi del mondo.

Nel suo libro L’arte di vivere: la meditazione Vipassana affronta il tema della vita e della difficoltà e complessità dell’esistenza.

Non esiste nessuno al mondo i cui desideri vengano sempre esauditi, a cui tutto accada secondo i propri voleri, senza mai nulla di indesiderato… Se qualcosa di indesiderato accade e si inizia a reagire generando collera, paura o qualsiasi negatività, allora, appena è possibile, si tende a spostare la propria attenzione su qualcos’altro. Ma la fuga non è una soluzione: occorre affrontare il problema, osservandolo. Non appena ci si mette a osservare un’impurità mentale, essa inizia a perdere forza. Gradualmente si affievolisce e viene sradicata. D’altra parte, permettendole di manifestarsi nell’azione fisica o verbale, si creeranno soltanto nuovi problemi. Sembra magnifico, ma è veramente realistico? Con un allenamento e una pratica adeguati, diventa molto semplice osservare il respiro e le sensazioni nel corpo; in questo modo la tecnica di auto-osservazione ci mostra la realtà nei suoi due aspetti: esterno e interno. Fino ad ora abbiamo sempre guardato all’esterno, lasciandoci sfuggire la verità interiore. Abbiamo sempre cercato fuori di noi la causa della nostra infelicità; abbiamo sempre incolpato e cercato di cambiare la realtà esterna. Ignorando la realtà interiore non abbiamo mai compreso che la causa della sofferenza giace dentro di noi, nelle nostre cieche reazioni alle sensazioni piacevoli e spiacevoli. Ora, con la pratica Vipassana riusciamo a vedere l’altra faccia della medaglia. Diventiamo consapevoli del respiro e di ciò che accade dentro di noi. La mente equilibrata non solo diventa piena di pace, ma anche l’atmosfera circostante diverrà colma di armonia, e questo inizierà a influenzare anche gli altri, aiutandoli. Imparando a rimanere equilibrati di fronte a qualsiasi esperienza interiore, si sviluppa il distacco anche da tutto ciò che si incontra nelle situazioni esterne. Questo distacco non è però fuga o indifferenza riguardo ai problemi del mondo. Questo è ciò che ha insegnato il Buddha, un’arte di vivere. Egli non fondò e non insegnò una religione o un “ismo”. Non istruì mai i suoi seguaci a praticare riti o rituali, delle vuote e cieche formalità. Al contrario, insegnò a osservare semplicemente la natura così come è, osservando la propria realtà interiore. Quando smettiamo di reagire ciecamente, allora diveniamo capaci di agire davvero – con azioni che nascono da una mente equilibrata, una mente che vede e comprende la verità. Tali azioni non potranno essere che positive e creative“.

In Italia si può imparare la meditazione Vipassana come la insegna S.V. Goenka al Centro Atala Dhamma, a Lutirano di Marradi (Fi), tel 055-804818.

 

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *