Wise Society : Estate: ecco come difendersi dalle punture di zanzare
ARTICOLI Vedi tutti >>

Estate: ecco come difendersi dalle punture di zanzare

E' l’insetto che suscita i peggiori sentimenti e timori. In arrivo una soluzione amica dell’ambiente e innocua per pesci e animali

Fabio Di Todaro
1 agosto 2017
estate, punture di zanzare, rimedi

Il 59 per cento degli Italiani ha infatti dichiarato di odiare e provare rabbia nei confronti delle zanzare responsabili delle fastidiose punture e la stessa percentuale di italiani li posiziona al secondo posto, subito dopo i ratti, Image by iStock

L’estate è arrivata e, come ogni anno, oltre ad affrontare il caldo torrido, gli italiani dovranno scontrarsi con l’arrivo degli infestanti. Ai primi accenni di caldo, infatti, zanzare, mosche, vespe, scarafaggi e topi invadono le nostre città, creando innumerevoli disagi: dal fastidio delle punture al panico per le malattie. Di conseguenza agli italiani non rimane che sperimentare nuovi e ingegnosi metodi per contrastarli. Quali? Lo si evince da un sondaggio condotto da «Astraricerche» su commissione dell’azienda «Rentokil», leader nei servizi di disinfestazione, derattizzazione e allontanamento dei volatili.

LE ZANZARE SONO L’INCUBO DELLE VACANZE – La zanzara si conferma come l’insetto che suscita i peggiori sentimenti e timori. Il 59 per cento dei nostri connazionali ha infatti dichiarato di odiare e provare rabbia nei confronti delle zanzare responsabili delle fastidiose punture e la stessa percentuale di italiani li posiziona al secondo posto, subito dopo i ratti, per pericolosità in termini di trasmissione di malattie. Cosa fanno allora gli italiani per contrastare l’invasione degli infestanti? Dall’indagine emerge una buona conoscenza della profilassi. In molti sostengono infatti di adottare le procedure corrette: lo smaltimento immediato dei rifiuti, l’utilizzo di repellenti per la pelle o l’uso di zanzariere. Se in termini di prevenzione i nostri connazionali sembrano sulla buona strada, la ricerca ha però evidenziato una scarsa conoscenza dei rimedi più efficaci: tra gli strumenti più utilizzati ci sono pesticidi e insetticidi, mentre appena un intervistato su cinque s’avvale di un servizio professionale per la disinfestazione. Ma è possibile evitare sul nascere il problema? Al momento no, anche se c’è chi, come l’imprenditore inglese Stanley Miller,  è convinto di avere tra le mani la soluzione contro le zanzare.

estate, punture di zanzare, rimedi

Il repellente biologico «Kulicide» secondo il suo scopritore l’imprenditore Stnaley Miller, è «una formula amica dell’ambiente e innocua per pesci e animali, che iniettata in acqua uccide le larve delle zanzare, non gli insetti adulti», Foto: www.bioantimosquitoes.com

UN REPELLENTE BIOLOGICO PER DIRE ADDIO ALLE ZANZARE? – La sua idea, che all’estero trova già applicazione, prevede l’utilizzo di un prodotto da versare in acqua quando la zanzara non si è formata ancora ed è in fase larvale. Il repellente biologico «Kulicide» è «una formula amica dell’ambiente e innocua per pesci e animali, che iniettata in acqua uccide le larve delle zanzare, non gli insetti adulti – afferma Miller -. Così si distrugge l’involucro della larva, anche se di recente abbiamo scoperto che una versione leggermente diversa dello stesso liquido respinge le zanzare e dunque può essere messa sui vestiti addirittura sulle borse e, grazie a un sistema di nanotecnologia e microcapsule, applicata su qualsiasi tessuto. Basta semplicemente muoversi e la fragranza fuoriesce, creando uno scudo di protezione che sulle magliette resiste a venti lavaggi: proteggendoci così dalle zanzare». Il suo obiettivo è ambizioso. «Voglio battere la malaria entro il 2030. Per riuscirci, non bisogna prendersela con le zanzare ma con le larve».

LE MALATTIE VEICOLATE DALLE ZANZARE – In pochi in effetti ci pensano. Ma quando si parla di zanzare, si parla anche della nostra salute. E non per il fastidio di una semplice puntura. «Le zanzare possono essere particolarmente pericolose in quanto capaci di trasmettere malattie che possono risultare anche gravi: quali la malaria, la Dengue, zika e chikungunya», spiega Massimo Andreoni, responsabile dell’unità operativa complessa di malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma ed ex presidente della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit). Ogni anno, in particolare durante l’estate, nel mondo si contano gli spostamenti di un miliardo di persone. Il rischio delle infezioni, dunque, è particolarmente alto. Prosegue Andreoni: «Oltre alle zanzare si deve fare attenzione alle punture di zecche capaci di trasmettere sia infezioni virali che batteriche. Per evitare le punture di questi insetti, il consiglio è sempre quello di coprire il più possibile le parti del corpo per ridurre il rischio di punture o usare repellenti cutanei che allontanano gli insetti. Bisogna fare attenzione anche alle punture di ragni e scorpioni che possono determinare lesioni fastidiose e, anche se in rari casi, malattie sistemiche gravi».

Twitter @fabioditodaro

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23756 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28150 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28148 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20732 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28154 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 249 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 308 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28151 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28149 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28157 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28153 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28155 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28152 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12980 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28156
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY