Wise Society : Arriva la visita “sospesa” per chi non può permettersi le cure
ARTICOLI Vedi tutti >>

Arriva la visita “sospesa” per chi non può permettersi le cure

Grazie ad una banca delle visite realizzata dalla start-up pugliese «ScegliereSalute», saranno raccolti fondi per garantire prestazioni sanitarie ai più bisognosi.

Fabio Di Todaro
4 luglio 2017
visita sospesa, cure mediche, sceglieresalute

Dopo caffè, pane e giocattoli per i meno abbienti arriva anche la visita “sospesa”, Image by iStock

L’idea è mutuata dalla realtà napoletana, dove pagare un caffè o un filone di pane o un giocattolo per i meno abbienti è realtà consolidata da tempo. In questo caso, però, la posta in palio è ben più alta. Grazie alle donazioni di aziende e privati cittadini, la start-up pugliese «ScegliereSalute» ha infatti deciso di istituire la visita «sospesa». Attraverso la creazione di una banca delle visite, in collaborazione con la Fondazione Basis, saranno raccolti fondi per garantire prestazioni sanitarie ai più bisognosi. «Alla base del progetto c’è la volontà di aiutare chi non può permettersi una visita medica a pagamento, i pazienti che non possono attendere i tempi del Servizio Sanitario Pubblico o chi ha bisogno di cure immediate», spiega Giuseppe Lorusso, cofondatore di «ScegliereSalute», che ha lanciato nel 2015 un portale per raccogliere le recensioni su ospedali e strutture sanitarie pubbliche e private, sul modello di TripAdvisor.

COME FARE PARTE DELLA RETE (DA MEDICI O PAZIENTI)? – La Banca delle Visite garantirà dunque a semplici cittadini e associazioni di volontariato l’accesso gratuito a visite mediche specialistiche e prestazioni sanitarie. Collegandosi al portale, ciascuno potrà acquistare una visita medica presente in un elenco, oppure donare una somma di denaro libera che concorrerà, assieme alle altre donazioni in denaro, all’acquisto di prestazioni sanitarie. Queste, assieme alle somme di denaro raccolte, vengono «custodite» nella Banca delle Visite. Un cittadino bisognoso, previa registrazione e accettazione delle clausole relative alla normativa sulla privacy, può richiedere una delle prestazioni disponibili. A quel punto sarà la Banca a contattare il professionista, che erogherà la prestazione senza oneri a carico del paziente. Il servizio è già disponibile anche sull’App «ScegliereSalute», scaricabile gratuitamente su Apple Store e Google Play.

NEL 2016 11 MILIONI DI ITALIANI SONO RIMASTI SENZA CURE – L’idea è nata per far fronte alle screscenti difficoltà incontrate da una fetta cospicua della popolazione nel sottoporsi a visite mediche improrogabili. Nel 2016, secondo il Censis, sono stati undici milioni gli italiani che hanno dovuto rinunciare alle cure a causa delle difficoltà economiche. Da qui l’impegno dei promotori di «ScegliereSalute», che puntano all’accesso universale alle cure mediche. L’obiettivo è garantire nuove forme di accesso ai servizi sanitari, per offrire un’alternativa valida agli schemi del Servizio Sanitario Nazionale.

Twitter @fabioditodaro

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27951 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 15154 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27950 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20700 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9342 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8359 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27948 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27949 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27947
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY