Wise Society : Tutto il bello che c’è, il telegiornale di buone notizie di Raidue
ARTICOLI Vedi tutti >>

Tutto il bello che c’è, il telegiornale di buone notizie di Raidue

Il programma ideato dalle giornaliste Silvia Vaccarezza e Maria Grazia Capulli va in onda ogni martedì all'interno del Tg2 delle 18.20 diretto da Marcello Masi

Michele Novaga
15 aprile 2015

Tutto il bello che cè TG2   Tutto il bello che cè sostenibilità Raidue Rai green good news brutte notiziePerché i nostri mezzi di informazione ci inondano solo di brutte notizie? Perché insistono anche a volte in maniera strumentale su tragedie famigliari, omicidi, guerre fornendoci ogni singolo dettaglio e a volte dibattendo per ore nelle trasmissioni di approfondimento dedicate?

Se lo chiedono in molti soprattutto i più giovani che attraverso l’informazione cercano di capire com’è il mondo in cui vivono. E proprio dalla lettera di un giovane telespettatore scritta alla presidente della Rai Anna Maria Tarantola è nato il programma “Tutto il bello che c’è” che va in onda ogni martedì alle 18.35, su Raidue dentro il Tg. Una spazio di approfondimento che vuole raccontare solo buone notizie, quelle che negli altri telegiornali o notiziari non si danno.

«L’idea di creare un programma di belle notizie era venuto a me e a Maria Grazia Capulli sette anni fa credendo nel fatto che la nostra opinione pubblica si nutre solo di brutte notizie, anzi è bombardata quasi esclusivamente da brutte notizie», racconta Silvia Vaccarezza ospite della redazione di wisesociety.it per girare il servizio sul Maria Grazia Capullinostro magazine che trovate qui. «Crescere in questo clima fa perdere entusiasmo ed energia. Ma siccome crediamo nell’emulazione e nel buon esempio che lo può creare ci siamo dette perché non raccontare in un programma tutta l’Italia che funziona, facendo parlare le persone che fanno qualcosa di positivo soprattutto quelle semplici? Così come fanno i motivatori nelle aziende che creano entusiasmo e buon clima, ci siamo domandate perché ogni tanto non motivare i nostri telespettatori flagellati da notizie su Yara o su altro? E così abbiamo presentato il progetto ai direttori generali che ha riscosso successo. Ma nulla partiva».

Poi la svolta segnata dall‘invio qualche mese fa della letterina di un bambino di dieci anni di Parma stanco di ascoltare solo brutte notizie che chiedeva che proprio su Raidue venisse creato un tg di buone notizie. «La Presidente Tarantola è rimasta molto colpita dalla segnalazione e ha subito informato il direttore del Tg2 Marcello Masi che a quel punto ci ha convocate e ci ha detto: inventatevi uno spazio». In quei dieci minuti settimanali “Tutto il Bello che c’è” si occupa di belle notizie, di buone pratiche, intervista personaggi (dallo scienziato all’imprenditore, al medico) che fanno cose positive a tutti i livelli. Ma parla anche di green e sostenibilità un po’ come facciamo noi di wisesociety.it da parecchi anni ormai.

Silvia Vaccarezza, foto: Telegiornaliste fans forum«Vorremmo che ci fossero più programmi di belle notizie o testate come la vostra e ci auguriamo che questo diventi un vero e proprio movimento» conclude ancora Silvia Vaccarezza. Perché se nel giornalismo vale il motto “good news no news” per le colleghe di Tutto il bello che c’è e per noi di wisesociety.it la good news è una notizia. E che notizia!

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

3 risposte a Tutto il bello che c’è, il telegiornale di buone notizie di Raidue

  1. Glberto Ricci

    Sono il presidente di un piccolo comitato di prevenzione delle tossicodipendenze di un piccolo paese dell’entroterra romagnolo…..e mi sono stancato di esntire solo notizie negative e tristi….

  2. Ornella Ferrari Pavesi

    Vorrei segnalare una bellissima iniziativa svoltasi nella casa di riposo di Nettuno (Roma) “Villa Miramare” che ha avuto come conclusione la realizzazione di una silloge di poesie realizzate dalle anziane ospiti con il supporto di una poetessa, una psicologa ed una animatrice. Il libro, “Sentimento”, correlato da disegni eseguiti dalle signore, è stato inviato a Sua Santità Papa Francesco e sarà presentato presso l’istituto sopra indicato nei prossimi mesi. Questo a significare che l’età non conta per esprimere sentimenti ed emozioni, eterna giovinezza dell’anima.

  3. Buona sera! In due parole ! Noi siamo veramente un po’ del bello che c’è . Gruppo arte musico psicoterapia associazione umbra contro il cancro ! 15 donne coordinate dalla psichiatra dottoressa Nataloni abbiamo realizzato uno spettacolo teatrale ricco di contenuti autentici ! Siamo tutte pazienti oncologiche ! Un inno alla vita ! Uno spettacolo di testa di emozioni di vita !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24064 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24063 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7295 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7532 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24065 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 42 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24081 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24069
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY