Wise Society : Quikbyke, quando il bike sharing è a emissioni zero
ARTICOLI Vedi tutti >>

Quikbyke, quando il bike sharing è a emissioni zero

Ideato dal sito Ev-World, è un container alimentato da pannelli solari che affitta bici a pedalata assistita promuovendo la mobilità dolce e la sostenibilità ambientale

2 novembre 2016
quikbyke, bike sharing, emissioni zero

Quikbyke è un container alimentato da pannelli solari che affitta bici a pedalata assistita promuovendo la mobilità sostenibile e a zero emissioni, foto: www.quikbyke.com

Non è solo un container a cui è stata restituita una seconda vita, Quikbyke è molto di più. Convertito in un negozio dove poter noleggiare biciclette o comprare pezzi di ricambio, è l’esempio di come con poco si può creare un business totalmente sostenibile. E di come si possano diffondere le buone pratiche tra i cittadini che possono servirsi di biciclette che, all’occorrenza e senza sforzi, diventano efficienti come degli scooter o altri veicoli a motore. Dopo tre mesi di prova tecnica a Omaha in Nebraska, dove sono state migliaia le persone che hanno noleggiato una bici elettrica, questo spin-off del sito web EV-World (che si occupa di veicoli elettrici dal 1998) installerà Quikbyke a St. Petersburg in Florida mettendolo a disposizione dei turisti che svernano nel luogo per antonomasia delle vacanze degli americani.

Il sistema di Quikbike consiste come detto in un container di venti piedi di lunghezza e meno di tre di larghezza che monta sul tetto un pannello solare in grado da solo di alimentare i caricatori delle dodici biciclette a pedalata assistita offerte a noleggio per brevi periodi di tempo a 15 dollari l’ora, il sistema wifi e tutte le prese elettriche e le luci a LED degli interni. I promotori dello spin-off sono convinti che QUikbyke verrà introdotto anche in altri luoghi turistici per diventare un franchising . «D’altronde – afferma Bill Moore editore di EV-World – a parte il piccolo buco aperto sul tetto per farci passare i cavi del pannello, non abbiamo dovuto apportare nessuna modifica al container che può tranquillamente essere trasportato in treno o nave da una parte all’altra del pianeta. Tutto quello di cui ha bisogno è tanto sole e un efficiente sistema wifi per il traffico cellulare».

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9194 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 123 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 190 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26714 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24977 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26058 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26715 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26713 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26716
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY