Wise Society : L’Italia in fiore
ARTICOLI Vedi tutti >>

L’Italia in fiore

Il florovivaismo può aiutare molto il territorio. Lo dimostra il successo dei concorsi di fioritura, che hanno importanti ricadute sull’immagine turistica, e conseguentemente sull’economia del nostro Paese. E lo dimostrano i numeri più che positivi della “Guida dei Comuni Fioriti d’Italia 2013”

Francesca Tozzi
19 aprile 2013

Da Orticola a Flora et Decora, dagli orti urbani ai giardini sempre più diversificati fino all’adozione di strade da parte di privati cittadini, cresce in città la voglia di verde. Il florovivaismo come strumento per rendere, nel proprio piccolo, il Paese più bello e vivibile. È questa l’Italia raccontata nell’edizione 2013 della “Guida dei Comuni Fioriti d’Italia”, presentata di recente a Torino. Sono 145 i paesi e le città che puntano sul marketing verde per promuovere il territorio, privilegiando il connubio tra natura, accoglienza e itinerari fioriti. In Italia 47.400 imprese sono impegnate nella cura, nella vendita e nelle coltivazioni di fiori e piante all’aria aperta o in colture protette per un giro d’affari di oltre 4 miliardi di euro e 150mila addetti ai lavori.

Insieme alla guida è stato lanciato il concorso “Comuni fioriti” promosso da Asproflor, associazione dei produttori florovivaisti, in collaborazione con l’ATL Distretto Turistico dei Laghi e la consulenza dello Studio Urbafor. Questa iniziativa di marketing turistico e ambientale è adottata con successo ormai da decenni da molti Paesi: sono oggi infatti circa 25.000 le città e i villaggi che partecipano in Europa a concorsi di fioritura, con importanti ricadute sulla qualità della vita e sull’immagine turistica, e conseguentemente sull’economia. Con risorse limitate, i concorsi hanno promosso tra le amministrazioni comunali e i cittadini un sano spirito di concorrenza e di emulazione che ha trasformato parti del territorio in veri e propri giardini fioriti.

A breve partiranno le lettere con i moduli di candidatura, che verranno inviate come ogni anno a tutti i Comuni Fioriti italiani. Gli iscritti selezionati verranno poi suddivisi in quattro categorie a seconda della vocazione di Comune turistico o in base alla popolazione. A partire dalla tarda primavera – e durante il corso dell’intera stagione estiva – tutti i candidati riceveranno una visita “in incognito” e una ufficiale da parte delle giurie nazionali, che valuteranno il grado di fioritura raggiunto.

Nell’edizione 2013 sono previsti:

  • targhe con 1,2,3,4 fiori a seconda del livello di fioritura ottenuto
  • primi e secondi premi (3.000 e 1.000 Euro in piante e fiori) nelle 4 categorie di concorso e premio “4 fiori oro”
  • targhe per iniziative interessanti di sensibilizzazione e coinvolgimento dei cittadini
  • premi speciali: Provincia fiorita, Municipio fiorito, scuola fiorita, casa fiorita, albergo fiorito, monumento storico fiorito, partecipazione dei cittadini, comunicazione, pollice verde.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.comunifioriti.it

Comuni fioriti

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *