Wise Society : «Food forest», il bosco edibile del futuro
ARTICOLI Vedi tutti >>

«Food forest», il bosco edibile del futuro

L'agricoltura del «non fare» in grado di creare un ecosistema per ottenere cibo senza impiego di fertilizzanti o diserbanti.

Maria Enza Giannetto/Nabu
19 marzo 2018
food forest, bosco edibile

Food forest è un vero e proprio bosco edibile, una coltivazione multifunzionale in cui alberi, da frutto e da legno, vengono “lasciati crescere” assieme a erbe medicinali, ortaggi e piante spontanee in modo del tutto autonomo e, come avviene, appunto nel bosco, senza intervento umano, Foto: Yaquina/Flickr

Un ecosistema boschivo ricreato perfettamente. Si chiama «Food forest» o Forest garden», che in italiano è traducibile con «foresta commestibile» o, ancora, «foresta giardino». Un vero e proprio bosco edibile, una coltivazione multifunzionale in cui alberi, da frutto e da legno, vengono “lasciati crescere” assieme a erbe medicinali, ortaggi e piante spontanee in modo del tutto autonomo e, come avviene, appunto nel bosco, senza intervento umano.
Un giardino o bosco edibile, la cui gestione simula quello che in natura accade in un bosco, sviluppato su più strati: erbaceo, arbustivo e arboreo. Partendo dal basso, infatti, nel bosco crescono funghi e piante che ricoprono il terreno, per poi salire di livello con arbusti e piantine commestibili, fino ad arrivare agli alberi da frutto e a quelli “da legno” che servono a proteggere e riparare la vegetazione. In mezzo ci stanno anche le piante rampicanti che si attaccano ai rami vicini e poi, ancora rizomatose e tappezzanti. Tutti insieme, questi vegetali collaborano, come avviene naturalmente senza l’intervento umano, per un ecosistema in grado di ottenere cibo, senza sforzo e soprattutto senza impiego di fertilizzanti o diserbanti.

PRATICA DIFFUSA IN MOLTI PAESI DEL MONDO – La letteratura che riguarda la «Food forest», in Italia, non è ancora molto estesa. Chi si avvicina a questo tipo di coltivazione sostenibile, o meglio, a questa gestione del terreno, fa riferimento, soprattutto a libri come «Creating a Forest Garden» di Martin Crawford, direttore dell’Agroforestry Research Trust che, oltre a parlare del funzionamento di un giardino foresta, analizza i vari tipi di piante utili in un determinato ambito e offre consigli pratici per la preparazione del terreno. Ci sono anche «The Garden Awakening» di Mary Reynolds e soprattutto «Forest Gardening: Cultivating an Edible Landscape» di Robert Hart, pioniere del food forest che iniziò il suo lavoro negli Anni 70 e lo continuò fino alla sua morte, nel 2000, con una food forest di 500 metri quadri in Inghilterra. Nel suo testo, Robert Hart ha schematizzato la food forest in 7 livelli (il minimo è di tre), proponendo proprio di osservare la natura e riproporre gli strati. In un forest garden alla Hart, quindi, si passa dagli alberi di alto fusto (noce, quercia, faggio, ad esempio) a quelli di media altezza e da frutto (nespolo, melo, ciliegio). Il terzo livello è quello degli arbusti, (nocciolo e piccoli frutti). Ci sono poi le erbacee perenni, quelle erbe cioè che non lignificano, non producono parti legnose. E si va avanti con rizomatose, tappezzanti e rampicanti.

food forest, bosco edibile

Il Food forest della Fattoria dell’Autosufficienza di bagno di Romagna, foto: sito autosufficienza.it

L’ESPERIENZA ITALIANA – Per quanto riguarda lo spazio, un forest garden può essere progettato in qualunque spazio, vastissimo, ma anche in un piccolo orto di casa. La caratteristica principale è che si tratta di un sistema a bassa manutenzione ed alta resa. Non di meno, il forest garden è un importante sostegno per il suolo e contro la desertificazione. In Italia, l’esperienza più longeva di questo tipo ha quasi 30 anni ed è quella di Onorio Belussi, un ex funzionario comunale lombardo che nel 1987 ha deciso di dedicarsi a un progetto agricolo che prevedesse il fare «meno possibile». Così nel 1989 ad Adro, in provincia di Brescia, il signor Belussi (oggi 76enne) si è trasformato in agricoltore del «non fare» dando vita a un forest garden di 3000 mq, dove si dedica al suo giardino edibile nel quale non lavora il terreno, non fertilizza, non usa antiparassitari, non pota le piante e non elimina le erbe infestanti limitandosi ad assecondare la natura. Alla Fattoria dell’Autosufficienza di Bagno di Romagna, invece, dal 2013 vengono organizzati  dei veri e propri corsi in cui vengono insegnati i segreti su come realizzare una Food forest anche nel giardino di casa.

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 29612 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8129 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 29611 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23584 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11525 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14312 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 58 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 29614 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6570 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 29610 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 29616 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 29615 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 879 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 29613
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY