Wise Society : Quando l’arte sceglie la via del riciclo, per generare creatività
WISE INCONTRI Vedi tutti >>

Quando l’arte sceglie la via del riciclo, per generare creatività

La nuova sensibilità ambientale di progettisti e artisti internazionali è in mostra al Maxxi di Roma con foto, video, installazioni e disegni. Per il curatore, Pippo Ciorra, è la dimostrazione di una relazione sempre più stretta tra ricerca espressiva d'avanguardia e attenzione alla sostenibilità

Arianna Callocchia
23 febbraio 2012

Pippo Ciorra, foto di S.CecchettiPippo Ciorra, architetto e senior curator per l’architettura al MAXXI di Roma (da maggio 2010) è anche il curatore  della mostra Re-Cycle, strategie per l’architettura, la città e il pianeta allestita in quattro gallerie del Museo nazionale delle arti del XXI secolo (fino al 26 Aprile 2012) e realizzata con il sostegno della società Arcus. Una mappa contemporanea del riciclo come strategia creativa in ottanta disegni, modelli, fotografie, video, oggetti e due installazioni site specific: 27 scatti del fotografo sudafricano Pieter Hugo (Permanent Error) e una grande installazione in legno e rafia sintetica (Maloca) di Ferdinando e Humberto Campana.

Incrementare l’idea di sviluppo sostenibile del mondo

 

Com’è nata l’idea di questa mostra e che cosa vuole proporre al pubblico?

Recycle, foto di Sebastiano LucianoLa mostra nasce da idee, esperienze e suggestioni che provengono da linguaggi esterni all’architettura come l’arte, la musica, la fotografia e i video. Ne è un esempio il bellissimo filmato dal titolo Steps dell’artista polacco Zbigniew Rybczynski che sovrascrive con nuovi personaggi a colori  la pellicola della scena cruciale della Corazzata Potemkin. La mostra vuole così presentare al pubblico come il riciclo può essere considerato  un generatore di creatività e uno strumento per incrementare uno sviluppo sostenibile del mondo.

Con quale criterio sono stati scelti e selezionati i progetti esposti? Quali sono secondo lei i pezzi da non perdere?

I progetti esposti sono stati selezionati con un criterio abbastanza articolato che  raggruppa tre categorie di opere del riciclo: d’arte; architettoniche o paesaggistiche; dei racconti  o testimonianze. Tra quest’ultime “icone sacre del riciclo” due esempi significativi sono quelli  del Palazzo di Spalato, storico palazzo imperiale trasformato in città, e il progetto di Super Studio per la sopraelevazione del Colosseo con delle case. Una cinquantina  di progetti sparsi in tutto il mondo che presentano tutte le strategie possibili del riciclo, per costruire un percorso espositivo che avvicini a questo tema  sia agli esperti che il pubblico in generale.

Qual è l’autore di quelli che hanno oggetti in mostra più innovativo sul tema del riciclo, dell’attenzione all’ambiente e perché?

Un progetto simbolo del riciclo potrebbe essere quello della High Line a New York degli architetti James Corner Field Operation, Diller Scofidio + Renfro, Piet Oudolf. Un frammento di una vecchia ferrovia, che univa l’area della stazione della 33° strada con il molo alla 12° strada, trasformato in un importante  spazio pubblico per la città e gli abitanti del quartiere.

La necessità di trovare nuove strategie progettuali

 

In che direzione sta andando l’architettura italiana, proprio in relazione ai concetti di sostenibilità e risparmio energetico?

Recycle, foto di Sebastiano LucianoIl MAXXI testimonia con la sua architettura un periodo di grande felicità e ottimismo della società, durante il quale  sembrava che la ricchezza potesse crescere all’infinito e l’architettura dovesse esprimere questa idea di lusso, bellezza, ardimento e coraggio strutturale. Con l’attuale crisi finanziaria l’architettura deve percorrere nuove strategie progettuali e staccarsi dall’idea del sogno. Il progetto può essere sempre un’utopia ma prendendo coscienza della realtà. Su questo nuovo terreno  sia l’architettura internazionale che quella italiana posso muoversi con un passo parallelo. Troviamo in mostra alcuni interessanti esempi italiani di cui andare fieri: una brutta palazzina abusiva a Ragusa trasformata in una bella villa; due gallerie abbandonate su una autostrada di Trento diventate ora un Museo; una discarica vicino Sassari trasformata in una Parco dei Suoni. Proprio l’Italia, con il suo ricco patrimonio esistente e un eccesso di densità edilizia può offrire molte opportunità agli architetti per trasformare con creatività ciò che già esiste realizzando  progetti più belli e interessanti. Il riciclo è dunque la nostra risposta al tema della sostenibilità e una delle poche opportunità con le quali l’architettura italiana si può rimettere in gioco al pari dell’architettura internazionale.

Quali potrebbero essere i vantaggi economici e funzionali che deriverebbero dalla scelta di questo tipo di architetture?

Riciclare per sua stessa natura è economico, ecologicamente, socialmente e politicamente corretto ma con la mostra vogliamo dimostrare come il riciclo possa essere un generatore di creatività per realizzare, più di altrettanti metodi di progettazione, progetti belli e interessanti.

Più in generale, che contributo possono dare l’arte e l’architettura alla nostra società nella direzione di un cambiamento virtuoso?

La mostra si conclude con un bellissimo e toccante reportage del fotografo sud africano Pieter Hugo che immortala volti di bambini africani in una discarica del Ghana dove vecchi e inutilizzabili computer, regalati dagli occidentali,  vengono bruciati contribuendo così ad incrementare l’inquinamento generale della loro terra e del Pianeta. L’atto del riciclo in se, dunque,  non può cambiare il mondo e non garantisce la consapevolezza se non siamo noi per primi a mettercela partecipando ad un progetto comune. Re-Cycle vuole così presentare, attraverso l’arte, la fotografia, l’architettura, i video e i media una serie di progetti diversi affinché ogni visitatore possa riconoscersi in un modo di fare che non può essere solo corretto ma anche attraente, convincente e interessante.

Recycle, foto di Sebastiano Luciano

Per saperne di più
© Riproduzione riservata
Continua a leggere questa intervista:
Per saperne di più
CONOSCI IL PERSONAGGIO
Pippo Ciorra
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Una risposta a Quando l’arte sceglie la via del riciclo, per generare creatività

  1. Codesto intervento mi trova realmente d’accordo. Nella mia opinione il sito internet è scrittofrancamente come si deve, lo leggo sempre. Bel lavoro davvero, a risentirci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 154 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2404 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2399 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9747 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 822 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1032 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9746 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2408 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 394 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3039 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3964 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8816 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8813 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9717 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9383 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8814 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 126 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 579 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9748 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6291 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1513 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1597
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY