Wise Society : Per uscire dalla crisi bisogna investire
SPECIALE : Uscire dalla crisi
WISE INCONTRI Vedi tutti >>

Per uscire dalla crisi bisogna investire

L'economista greco Nicholas Economides della Stern School of Business di New York segnala alcuni punti cruciali del prossimo futuro. Dalla fragilità socio-economica della Cina all'urgenza di ampliare il fondo salva Stati europeo

Ilaria Lucchetti
4 maggio 2012
http://wisesociety.it/wp-content/uploads/2012/05/42-27346267.jpg

Nicholas Economides, foto di Diana LeviniEconomista di fama internazionale e di prestigiosa esperienza universitaria, Nicholas Economides insegna attualmente alla Stern School of Business di New York. I suoi campi di specializzazione e di ricerca includono l’economia delle reti, in particolare delle telecomunicazioni, computer e informazione. Ma è anche molto competente nei settori del commercio elettronico e delle politiche pubbliche.

Autore di più di cento articoli sulle principali testate accademiche del mondo, è fermamente convinto del fatto che per uscire dalla crisi internazionale servano politiche di rilancio, non di austerità, senza le quali i Paesi maggiormente colpiti non risolveranno i loro problemi facilmente.

Favorevole alla svolta “tecnica” della guida politica italiana, auspica una soluzione analoga anche per la Grecia. Non crede invece a suggestive ipotesi di fanta-economia riguardo all’instabile situazione europea, quanto piuttosto a responsabilità precise nella mancata ricezione e soluzione dei segnali di allarme arrivati da più parti. E per il gigante asiatico cinese prevede nubi all’orizzonte.

Gli strumenti per affrontare le difficoltà

 

Secondo lei, ci troviamo a metà o alla fine di questa drammatica situazione economico-finanziaria?

Siamo tuttora nel mezzo di questa emergenza, che ha colpito il debito globale e il sistema bancario.

Quali, nella sua opinione, le “chiavi” per uscirne il prima possibile?

Gli strumenti indispensabili sono due. Il primo è una forte espansione dei meccanismi di salvataggio del Fondo Europeo di Stabilità Finanziaria (fondo salva-Stati) e del Meccanismo Europeo di Stabilità a cinque trilioni di euro. Senza questo intervento ci saranno attacchi continui al debito sovrano di Paesi come la Spagna e l’Italia.

L’altro invece è la creazione di un fondo/piano per investire nelle nazioni maggiormente colpite quali la Grecia, il Portogallo, l’Irlanda, la Spagna e l’Italia. Perché non riusciranno a uscire dalla crisi attraverso misure di “austerity”. Ma hanno bisogno di investimenti e, per fare ciò, è necessario creare un apposito fondo EU.

La situazione del nostro Paese

 

Come valuta la posizione dell’Italia ora? Con il nuovo governo Monti a fronteggiare la situazione?

Il governo tecnocrate di Monti è un buon passo avanti e l’esempio dovrebbe essere seguito anche in Grecia. Ma resta il fatto che se le misure citate sopra non venissero adottate, l’Italia avrebbe un’alta probabilità di seguire il destino di Grecia, Portogallo e Irlanda ovvero di dovere chiedere gli interventi di EU e del Fondo Monetario Internazionale.

Come vede il futuro economico di queste nazioni?

Senza nuovi programmi d’investimento dall’estero non saranno in grado di riprendersi e di uscire dalla spirale della crisi.

La fragilità dell’Europa e i rischi della Cina

 

Ritiene realistica l’ipotesi di una sorta di “guerra” portata avanti dal sistema bancario internazionale contro l’Eurozona?

Gli investitori e gli speculatori mettono i loro soldi dove ci sono profitti facili. La riluttanza di Francia e Germania nel creare un grande fondo salva-Stati significa in concreto che il debito sovrano di molti Paesi europei è facile preda della speculazione.

L’EU ha l’opportunità di mettere fine facilmente a queste manovre attraverso un’espansione massiccia del fondo e del Meccanismo Europeo di Stabilità. Ma finché non lo farà, dovrà soltanto biasimare se stessa.

Nei primi tre mesi del 2012 la crescita economica cinese ha rallentato: si tratta di avvisaglie di bolla immobiliare – come molti osservatori temono – o è un problema di PIL?

La Cina va affrontando sempre nuovi ostacoli man mano che diventa una nazione sviluppata. Ci sono tutta una serie di trasformazioni economiche significative che un Paese fronteggia mentre si trova lungo il percorso dello sviluppo e la Cina è all’inizio di questo cammino.

In aggiunta a ciò, il regime politico e i suoi obiettivi sono in netto contrasto con l’estrema ineguaglianza della ricchezza, e questo può portare a turbolenze sociali o a cambiamenti nella struttura salariale che potrebbero diminuire in modo significante l’attuale vantaggio che ha questa nazione.

Image by © Radius Images/Corbis

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questa intervista:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>