Wise Society : Mobilità sostenibile: con i nuovi bus, elettrici al 100 percento, lo spostamento è a impatto zero
SPECIALE : Mobilità sostenibile
WISE INCONTRI Vedi tutti >>

Mobilità sostenibile: con i nuovi bus, elettrici al 100 percento, lo spostamento è a impatto zero

Sviluppare l’intera filiera del trasporto elettrico, proponendo un nuovo modello di eco-mobilità. Questi gli obiettivi di Marco Simiani, presidente della società grossetana Rama, con il progetto E-life. Che parte dai mezzi pubblici, in chiave green

Ilaria Lucchetti
30 ottobre 2012

Marco SimianiSi chiama E-life ed è un innovativo progetto industriale ecosostenibile per la produzione e vendita, in Italia e in Europa, di autobus elettrici da 12 metri.

Una novità nel mercato europeo, dove venivano utilizzati finora solo minibus a motore elettrico di 7 metri e anche un mezzo concorrenziale rispetto al trasporto tradizionale, perché in grado di abbattere i costi di gestione, con un significativo valore aggiunto per l’ambiente e la lotta alle emissioni che alterano il clima.

Non solo. Come spiega in questa intervista Marco Simiani, giovane imprenditore toscano presidente della società grossetana Rama E-life che si occupa del progetto, l’obiettivo finale è molto più ampio e ambizioso:  sviluppare l’intera filiera del trasporto elettrico, costruendo un nuovo modello di mobilità a impatto zero.

Un mezzo veloce, confortevole e non inquinante

 

Ci descrive le caratteristiche di questi bus elettrici?

Sono lunghi 12 metri e possono ospitare fino a un massimo di 63 passeggeri. Silenziosissimi, non inquinanti, elettrici al 100 percento hanno una grande autonomia che supera i 200 chilometri, pari alla percorrenza media giornaliera di un autobus urbano, e una velocità di oltre 80 chilometri orari.

Viaggiano con batterie al litio fosfato che dispongono di circa 2 mila cicli di ricarica e, considerato che l’utilizzo di un mezzo urbano è in media di 300 giorni, sono garantite per 6/7 anni. Inoltre, questi bus hanno il vantaggio di abbattere i costi di gestione in quanto la spesa di una ricarica è di 30 euro. Tutte caratteristiche che restano invariate anche in estate, con gli impianti di condizionamento in funzione. Si tratta di un’ottima tecnologia.

Italiana?

No, i mezzi sono stati realizzati in Cina dove E-Life ha firmato un accordo con la Ruihua New Energy Auto di Shangai e la Alfabus Co. di Jiangsu e ha ottenuto l’esclusiva per otto anni nella promozione e nella commercializzazione in Italia ed Europa. I nostri ingegneri sono intervenuti nella fase progettuale e di restyling per assicurare le specifiche tecniche necessarie all’omologazione, nel rispetto delle normative e degli standard europei.

Sono già presenti in Italia?

Sono arrivati da noi a luglio e presentati ufficialmente a Festambiente. Ora stiamo vagliando con BredaMenarini, società storicamente leader del settore, una partnership. I bus dovranno fare una serie di test per verificare le esigenze delle società di trasporto pubblico e poi si inizieranno le vendite dal 1 gennaio 2013.

In quali città saranno utilizzati?

Per ora abbiamo molti contatti, con aziende toscane, emiliane ed estere (Russia, Belgio), ma preferisco non anticipare troppo e non fare nomi per correttezza.

trasporto pubblico trasporto e sostenibilità tecnologia mobilità sostenibile Marco Simiani litio fosfato inquinamento impatto zero filiera Festambiente Expo 2015 emissioni E life colonnine ricarica bus elettrici biciclette elettriche auto elettrica

In vista la candidatura a Expo 2015

 

Che differenze hanno rispetto agli altri autobus elettrici in circolazione in Europa?

Mediamente i mezzi urbani “green” hanno un’autonomia di 150 chilometri e quindi non riescono a coprire l’esigenza giornaliera. Quelli di E-Life invece sì. In Europa oggi circolano più di 15 mila e 600 autobus, di cui soltanto 250 sono elettrici e di misura non superiore ai 6/8 metri, con una velocità di 50/60 chilometri, e un’autonomia compresa tra i 100 e i 150 chilometri.

Vista la situazione quali obiettivi di mercato avete?

Nei prossimi due anni vorremmo distribuire un centinaio di autobus tra Italia e continente. E vorremmo candidarci per essere presenti come azienda a Expo 2015, partecipando alle gare che saranno organizzate.

Anche in considerazione del filo conduttore esistente con l’esposizione di Shangai, perché le società che vi hanno partecipato erano le stesse. Questi mezzi, però, sono soltanto un segmento del nostro business il cui obiettivo è di arrivare a coprire l’intera “filiera” della mobilità elettrica: dalla progettazione delle infrastrutture alle stazioni multiutenza per le ricariche di auto, biciclette e scooter.

trasporto pubblico trasporto e sostenibilità tecnologia mobilità sostenibile Marco Simiani litio fosfato inquinamento impatto zero filiera Festambiente Expo 2015 emissioni E life colonnine ricarica bus elettrici biciclette elettriche auto elettrica

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questa intervista:
CONOSCI IL PERSONAGGIO
Marco Simiani
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

2 risposte a Mobilità sostenibile: con i nuovi bus, elettrici al 100 percento, lo spostamento è a impatto zero

  1. vorremmo entrare in contatto con Marco Simiani – stiamo facendo partire a Milano i GREEN DRINKS (guarda il post in evidenza alla nostra pagina FB http://www.facebook.com/milano.green) il primo sulla mobilità elettrica il prossimo 20 novembre 2012 – grazie per l’attenzione! MGstaff

  2. siamo produttori di celle e batterie Litio-Ione ad alta tecnologia.
    vorrei un contatto per sondare un vs. eventuale interesse in materia

    saluti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 946 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10447 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 15137 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14329 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 15138 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11818 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1844 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7287 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7098 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 660 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 510 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 15139 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 15135 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 643 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 133 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6291 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7530
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY