Wise Society : Fabrizio Duranti: ecco le mie regole per vivere a lungo
SPECIALE : Cibo biologico
SPECIALE : Combattere l’obesità
WISE INCONTRI Vedi tutti >>

Fabrizio Duranti: ecco le mie regole per vivere a lungo

Comincia dall'alimentazione, per Fabrizio Duranti, Il circolo virtuoso del benessere. Ecco le sue cinque linee guida alla portata di tutti

Lia del Fabro
15 novembre 2011

Fabrizio DurantiÈ considerato uno dei massimi esperti di medicina del benessere, Fabrizio Duranti, medico noto grazie alla partecipazione a trasmissioni televisive (da Sabato, Domenica &…..la tv che fa bene alla salute in Rai a Girovita su La7) e radiofoniche (rubrica su radio Deejay) molto seguite e alla pubblicazione di numerosi libri. Il suo circolo virtuoso del benessere ha regole molto chiare e accessibili a tutti. L’ostacolo da superare sta nell’iniziare e rompere con le cattive abitudini. Wise lo ha incontrato per capire come ciascuno di noi possa migliorare il proprio stato di salute psicofisico in modo duraturo, partendo da un percorso di consapevolezza che faccia leva sulle proprie capacità individuali.

L’importanza dello stile di vita

 

Di recente l’ONU ha dichiarato che la nuova emergenza per la salute mondiale, più ancora dell’Aids, è quella delle malattie legate allo stile di vita. A cosa si fa riferimento?

Se consideriamo ad esempio un Paese come gli Stati Uniti esiste un nesso molto forte tra obesità e diffusione del diabete (di tipo 2), malattia che può portare alla morte o a patologie tutte molto gravi che peggiorano la qualità della vita. Si ingrassa perché si mangia male e troppo, ci si muove poco, si vive una vita legata allo stress. Succede che per cercare di sedare lo stress ci si alimenta in modo compulsivo, non si fa sport perché si è grassi, meno ci si muove più si è nervosi, più si è nervosi più si ricorre al fumo e all’alcol e si producono in eccesso ormoni negativi. L’ingrassamento porta un innalzamento dell’insulina che spinge ad alimentarsi soprattutto di carboidrati e così via. È difficile rompere il circolo vizioso del malessere.

Come si mette in moto quello che lei chiama il circolo virtuoso del benessere psicofisico?

Acrobazia a tavola, Image by © Bettmann/CORBISLa sintesi della mia filosofia è che si tratta di “un metodo per tutti ma che non tutti possono fare”.

Provo a spiegarmi. È vero che propongo un programma che è alla portata di tutti perché le cinque regole da seguire in fondo sono semplici: controllare la propria alimentazione, fare attività fisica, disintossicare l’organismo, ricorrere a tecniche di rilassamento, prendere dei micronutrienti. Obiettivi realizzabili, ma pensare che una cosa sia giusta e sviluppare buone intenzioni passando all’azione non sempre è così semplice.

Tutti sanno che cosa fa bene, ma non tutti riescono a metterlo in pratica. Esistono blocchi mentali, convinzioni limitanti (non ce la posso fare, non ho tempo etc.): è da qui che bisogna partire per creare motivazioni forti perché è in quest’ambito che si gioca la partita. Il mio aiuto consiste proprio nell’informare e divulgare il più possibile cosa fare per stare meglio.

Partiamo dunque dal discorso dell’alimentazione. Come dobbiamo mangiare?

Non c’è un’unica risposta a questa domanda perché dipende dalla persona e dal livello da cui si parte: ad esempio se da un ventenne sportivo o se da un impiegato cinquantenne sovrappeso, sedentario e stressato. E anche rispetto al periodo della vita, perché l’alimentazione cambierà nel tempo. Come linee guida posso però dire che una prima regola aurea è quella della qualità del cibo. Oggi è un bene prezioso avere un amico contadino…per sapere cosa si mangia. Un secondo aspetto riguarda il dimagrimento: se è necessario perdere peso devo puntare a cibo con un basso indice glicemico, per esempio mangiando carboidrati molto integrali oppure unendo proteine, che abbassano l’indice glicemico, ai carboidrati. Un’altra regola, una volta raggiunta una buona condizione fisica unita alla ginnastica, è di mangiare un po’ di più, ma meno spesso. E magari a volte digiunare. Spesso le persone longeve quasi non cenano. Quindi suggerisco di mangiare poco, soprattutto la sera.

Foto di Jessica Mullen/flickrNello stesso tempo lei sostiene che sarebbe necessario procedere anche con la disintossicazione

Tutte le diete sia pure con nomi diversi raccontano sempre la stessa cosa: sono a basso indice glicemico e di solito prevalgono le proteine, anche se troppe proteine intossicano. Come una macchina che produce scorie va ripulita, anche l’organismo ha un beneficio se si libera di certe tossine. Ad esempio con il digiuno, che è un metodo previsto già da Ippocrate come sistema terapeutico. Non sono favorevole alla digiuno-terapia ma sostengo che giornate di sola frutta sotto controllo medico possono aiutare il corpo a drenare e a tamponare le acidità. Anche quando ci si sottopone a una dieta dimagrante a basso contenuto glicemico e con un leggero aumento di proteine, sarebbe bene introdurre giornate di sola frutta e acqua per disintossicare e ridare alcalinità all’organismo.

Perchè bisogna fare sport

 

Altro punto fermo è l’attività fisica. In generale che tipo di ginnastica e quanta ne consiglia?

Image by © Images.com/CorbisDurante la settimana la mia proposta è di fare ginnastica aerobica per quattro o cinque volte, per un tempo minimo di 40 sino a 60 minuti, e un giorno sarebbe utile fare pesi, ma sotto controllo di un istruttore per non rischiare di farsi male. In fondo, se pensiamo alle nostre origini (l’uomo ai tempi della pietra camminava o correva per giorni alla ricerca del cibo e, una volta trovato l’animale, ingaggiava un combattimento corpo a corpo usando la forza per catturarlo) non faccio altro che suggerire quello stesso schema di allenamento: attività aerobica per più giorni da affiancare a un’attività di potenza più concentrata nel tempo.

Nei suoi libri si legge che è soprattutto la corsa a far bene. Perché?

Vanno bene anche tante altre attività aerobiche, dal nuoto alla bicicletta ma con la corsa non ci sono scuse. Oltre a liberare endorfine, scaricare adrenalina e ottenere risultati in breve tempo, la corsa è democratica, alla portata di tutti perché si può correre sempre e ovunque, non serve organizzazione e attrezzature, bastano un paio di scarpette.  Mentre, in altri sport, dovrei disporre sempre e comunque di una bicicletta o di una piscina. Va detto però che la corsa è un’attività traumatica e quindi va adattata allo stato fisico e all’età delle persone. Non si può pensare di correre sempre.

Lei è un convinto sostenitore della micronutrizione. Non è sufficiente mangiare in modo corretto?

Cover libroSono fortemente contrario a quelli che comunemente chiamiamo integratori, mentre sono a favore di quelli fisiologici che contengono i principi attivi degli alimenti concentrati, filtrati e di buona qualità. E quindi, esami ematologici alla mano, fanno bene i micronutrienti come antiossidanti, omega 3, vitamine, minerali. Se cerchiamo il cibo di buona qualità, è dura ogni giorno nutrirsi in modo corretto e trovarlo sempre disponibile. E anche se lo compriamo direttamente da chi lo produce, sappiamo che ci sono dei limiti dovuti a sistemi intensivi di coltivazione. Così credo che integrare quello che non si riesce a mangiare a sufficienza sia una buona soluzione, anche perché ho sperimentato prima di tutto su me stesso questa scelta che i risultati delle analisi cliniche sostengono in modo chiaro. Va sempre comunque fatta la considerazione che è necessario adattare la micronutrizione secondo lo stile di vita, di come ci si alimenta, se si è vegetariano o meno, della propria età, della diversità genetica, di quanto sport si fa, e così via.

Come ristorare la mente

 

L’ultimo dei cinque aspetti fondamentali del suo programma di benessere è la meditazione. Perché la considera così importante?

Si pensa che la salute dipenda sola da aspetti fisici e di alimentazione ma se si sta male a livello psicologico spesso ne risente anche l’organismo. Il cervello va ristorato. Magari partendo da una corretta respirazione diaframmatica per circa 10/20 minuti al giorno e nella giusta posizione, ripetendo un mantra positivo che aiuti a svuotare la mente e a raggiungere dei punti di equilibrio nel sistema neurovegetativo. In questo modo riduciamo la produzione in eccesso di ormoni dannosi come il cortisolo, e miglioriamo il nostro stato generale. Alcune persone presentano una respirazione toracica, in apnea: imparare a respirare è propedeutico per trovare un’armonia interiore e per arrivare al rilassamento.

Image by © Edward Bock/CorbisE lo yoga rientra in questo programma?

Lo yoga fa sicuramente bene, anche se io credo nelle cose facili da fare, “casalinghe”. Voglio dire che andare solo una volta alla settimana dal maestro per seguire la lezione yoga non basta perché la pratica andrebbe fatta quotidianamente.

Come si a fa a trovare la costanza per mantenere il circolo virtuoso del benessere psico-fisico?

Ogni volta che spendiamo qualcosa non solo in termini di denaro ma anche di energia e fatica stiamo bene attenti a cosa abbiamo acquistato. Se si seguissero, per un congruo periodo, i cinque passaggi che ho descritto, i benefici e la salute psico-fisica raggiunti sarebbero talmente gratificanti che la fatica sarebbe sicuramente ripagata. Una volta entrati nel circuito non è difficile restarci. È vero che ci sono dei meccanismi di auto-sabotaggio e di auto-lesionismo incomprensibili ma…del tutto umani. Pensiamo a una donna che è poco considerata da marito e figli ma che, se sta male, viene accudita. È evidente che, in quel caso, questa persona potrà “preferire” lo stato di ammalata, anche se lo ammetterà a fatica.

Invecchiare con dignità

 

La ricerca del salutismo ad oltranza può essere dannosa?

Certo, troviamo il fanatico che porta a un eccesso di salutismo e di rigore arrivando a pesare anche l’insalata, e che deve essere frenato. Al contrario c’è la persona che stava meglio quando stava peggio… Il mio obiettivo è semplicemente dare linee guida che poi ciascuno potrà declinare sul proprio essere, ottimizzando queste regole, quasi quanto un vestito su misura. Attraverso il mio sito (www.studio-duranti.it) e i miei libri cerco di informare il più possibile su questi metodi perché le persone che arrivano da me spesso si attendono miracoli quasi da guaritore, mentre io sono un medico del benessere che spiega come prevenire alcune patologie.

Cover libroNon siamo anche troppo ossessionati dal nostro aspetto fisico e dal desiderio di restare giovani?

Essendo medico mi occupo anche di medicina estetica. Non sono quindi contrario, ma penso sia fondamentale usare il buon senso. Penso di essere come un dentista che, a una signora di una certa età, ripara un dente perché ritiene ingiusto o poco decoroso non farlo. Cerco di aiutare le persone a invecchiare in modo dignitoso, usando ad esempio il silicio organico, sia iniettato sia per bocca, che dà risultati alla pelle in linea con il resto del mio programma di benessere. Certo, chi vuole evitare a tutti i costi di invecchiare vuol dire che sta male, perché penso che l’esasperazione sia il prodotto di un malessere. Riempirsi di botulino è la manifestazione di un disturbo psicologico. Invece è possibile invecchiare in modo sano e giusto. Mi capita di incontrare persone che non dimostrano l’età che hanno e questo non mi sembra un male…ci sono settantenni che vanno in bici e hanno una vita attiva, ma un settantenne che si fa il lifting, ad oggi non ha la mia approvazione.

Esistono dei metodi per mantenere giovane la mente?

Esercizi di fitness mentale ne esistono molti ma se una persona continua a essere curiosa, a studiare, a crescere, a fare programmi per il futuro…la mente risponde bene a questi stimoli positivi. Sono convinto che, dai 10 ai 100 anni, sia la passione il vero motore della vita.

E oltre al suo lavoro lei che passioni ha?

Ho sempre avuto la fortuna, sin dall’adolescenza, di mettere tutto me stesso in quello che faccio. Ma ad appassionarmi in modo particolare è il contatto diretto con la natura: quando nuoto o faccio immersioni, quando vado in bicicletta o a fare sci alpinismo ricevo emozioni forti, che mi ricaricano e mi fanno star bene.

 

 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian

Detect language » Italian
© Riproduzione riservata
Continua a leggere questa intervista:
CONOSCI IL PERSONAGGIO
Fabrizio Duranti
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

4 risposte a Fabrizio Duranti: ecco le mie regole per vivere a lungo

  1. Parmegiani Mario

    metodi ottimi per tutti.

  2. Diana del Carmen Espinosa .

    El artículo del Dr. Fabrzio Duranti, es muy interesante, práctico y completo. Las 5 Reglas: Control de la Dieta, Actividad Fisíca, Desintoxicar el Cuerpo, Técnicas de Relajación y Tomar Micronutrientes. Son métodos alcanzables y prácticos para todo tipo de persona. La verdad felicito al Dr. Fabrizio Duranti, desde la Ciudad de México. Gracias por ayudarnos hacernos la vida mejor de una forma sencilla. Muchos Saludos.

  3. lucia vitiello

    Con immenso piacere lascio a lei un mio parere su quello che ha scritto.Concordo pienamente sulle sue direttive riguardo al mantenimento di una buona qualità di vita per stare in buona salute.Sono una salutista a cui piace anche la buona cucina ,sulla scelta dei prodotti da portare sulla tavola sono molto pignola e preferisco i prodotti naturali e biologici a quelli commerciali.Sono una sportiva e non sto mai ferma e il movimento è il mio stile di vita .La corsa è stata sempre la mia passione ma pratico anche altri sport tra cui lo spinning,tutto questo mi da’ la carica giusta e ottimale per vivere! Pero’ non farei mai modifiche con l bisturi o altro sul mio fisico anche se passano gli anni . Una buona attivita’ fisica costante è meglio di piccoli interventi che a volte peggiorano invece che migliorare . Invecchiare con dignita’ è l’accettazione di se’ e del tempo che se ne va .

  4. Efesio

    I cavalli si vedono all’arrivo portatemi un centenario vegano se lo trovate!!!!Di supercarnivori toscani delle mie zone se volete vi faccio la lista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7944 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 329 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 338 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 519 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 358 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8102 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2289 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 783 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 277 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 406 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6164 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8098 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8100 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 463 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6172 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8105 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6559 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7450 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8099 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8101 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8103 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 445 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 320 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2907 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7654 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8104 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2290 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 485 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 458 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 447 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 484
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY