Wise Society : Così aiutiamo i giovani imprenditori a spiccare il volo
WISE INCONTRI Vedi tutti >>

Così aiutiamo i giovani imprenditori a spiccare il volo

Il presidente Giampio Bracchi, vuol far crescere nelle nuove generazioni la speranza e la voglia di farcela. Cominciando dalle start-up

Sara Donati
6 dicembre 2011

Giampio BracchiCreata dal Politecnico di Milano e da importanti Fondatori nel 2003, la Fondazione Politecnico di Milano è nata come motore per lo sviluppo del contesto socio-economico, perseguendo scopi e svolgendo attività strumentali alla missione dell’Ateneo. L’obiettivo della Fondazione è quello di avvicinare ancora di più il Politecnico alle imprese e alle pubbliche amministrazioni per promuovere la ricerca applicata e il trasferimento tecnologico, favorire l’innovazione e lo sviluppo dei prodotti e dei processi attraverso la ricerca finalizzata. Per raggiungere questo obiettivo Fondazione promuove l’internazionalizzazione, la formazione continua e la nascita di start-up innovative. Ne parliamo con il presidente Giampio Bracchi.

Innovazione e creazione d’impresa

 

In che modo, Fondazione Politecnico, agevola lo scambio tra aziende e dipartimenti di ricerca?

Photo by Silvia Morara/CorbisLa Fondazione in particolare sviluppa iniziative legate all’ambiente e al territorio, all’infomobilità e alla logistica, ai nuovi materiali, all’energia, al design, all’innovazione di processi e prodotti, alla creazione di impresa. La collaborazione con le aziende ha portato alla nascita di due Joint Research Center, centri di ricerca congiunti, uno dedicato ai trasporti e uno all’energia. In prospettiva, essi potrebbero dar vita a un vero e proprio parco scientifico presso il polo di Bovisa. L’intento è quello di dar vita a uno Science Park capace di trainare non solo il futuro sviluppo della città, ma anche dell’intero sistema economico e industriale italiano; un luogo in cui l’università, la pubblica amministrazione e le imprese possano operare insieme per realizzare progetti di ricerca congiunti, mettere a punto nuove tecnologie, sviluppare prodotti e applicazioni e favorire la creazione di nuove realtà imprenditoriali.

Ci ricorda qualche prodotto nato dall’interazione tra aziende ed università promosso dalla Fondazione?

Interpolazione e regolarizzazione di dati sismici 3d mediante il kernel Numerosi sono i progetti e prodotti nati dalla collaborazione tra il Politecnico e le imprese.

Posso solo ricordare, per esempio, i progetti che hanno portato a sistemi di mappatura tridimensionale del sottosuolo; a dimostratori per il monitoraggio delle merci pericolose; a tessuti-non-tessuti nano strutturati; a strumenti per la localizzazione dei superstiti sotto le macerie o a quelli numerici, statistici e matematici per la valutazione del rischio di rottura degli aneurismi cerebrali; a prodotti ispirati al design for all e a quelli intelligenti per l’ambiente domestico; alla realizzazione di boe per il monitoraggio della barriera corallina australiana; alle numerose iniziative in ambito informatico ed energetico.

Un elenco ampio che può essere consultato nei dettagli sul nostro sito interno.

Come affrontare il futuro

 

Chi come voi sta tra ricerca e sviluppo, tra ricercatori ed aziende, che idea ha di questo particolare momento di crisi?

Image by © Juice Images/CorbisSi tratta chiaramente di un momento di crisi generale, di portata mondiale. In questo contesto, l’Italia ha reagito bene grazie a un tessuto di piccole e medie imprese che ha saputo, anche se a fatica, reggere l’urto di un colpo economico globale. La tendenza al risparmio ci ha salvato da situazioni ben peggiori di quelle che hanno attraversato altrove le famiglie e il sistema creditizio. Quello che possiamo aggiungere è che, se da un lato gli investimenti in ricerca, cronicamente scarsi nel nostro paese, sono diminuiti ulteriormente, molti dei nostri cervelli, non solo ragazzi giovani e brillanti, ma anche ex manager riconvertiti nel mondo del lavoro, si sono rimboccati le maniche e hanno tentato la via della creazione d’impresa. Le richieste di incubazione (dal 2007 la Fondazione gestisce l’Acceleratore d’Impresa, uno tra i primi incubatori universitari nato per dare slancio alla capacità imprenditoriale dei giovani) sono aumentate e secondo i dati dell’ultima edizione della Start Cup Milano Lombardia (ottobre 2011), la business plan competition delle università e degli incubatori locali, i business plan presentati sono aumentati del 33 percento rispetto all’edizione del 2010. Questo significa che la gente non sta ad aspettare, ma reagisce e non con ripieghi, ma investendo sul proprio talento. La Fondazione sta attualmente promuovendo una competizione interna all’Ateneo per ricordare agli studenti, ai dottorandi, ai docenti che la ricerca non è limitata alle mura dell’accademia, ma può essere portata sul mercato a beneficio dell’intero sistema. Certo non saremo la Silicon Valley, ma possiamo fare di tutto per incoraggiare una nuova forma di piccola impresa che non è solamente quella a conduzione famigliare, ereditata da generazioni, ma quella di alto profilo intellettuale.

Una previsione per il futuro?

Non è facile fare previsioni e sfortunatamente non esistono ricette pronte. Penso che il futuro sia ancora tutto da costruire e come docente universitario conto molto sui giovani con i quali mi confronto in aula quasi quotidianamente, sulla loro curiosità e intraprendenza. Viviamo in un’epoca dominata dalle tecnologie, che hanno ritmi di crescita velocissimi e una capacità di incidere sulla vita quotidiana straordinaria, ma di fatto siamo carenti di idee. Abbiamo grandi mezzi, ma poca ispirazione, come se un eccessivo benessere ci avesse assuefatti. Il primo dovere di un’istituzione accademica è quella di far crescere nei giovani la speranza e la voglia di farcela, questo ci salverà dalla crisi.

Image by © Bjorn Rune Lie/Ikon Images/Corbis

 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
© Riproduzione riservata
Continua a leggere questa intervista:
CONOSCI IL PERSONAGGIO
Giampio Bracchi
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1731 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 122 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6384 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8253 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1816 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8254 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6262 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1252 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6178 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6687 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6860 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 297 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8252 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 152 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6291
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY