Wise Society : Il mondo dell’impresa sociale si riunisce a Milano
ARTICOLI Vedi tutti >>

Il mondo dell’impresa sociale si riunisce a Milano

Dall'1 al 3 luglio 170 relatori parteciperano all'ottava edizione del Social Enterprise World Forum. A chiudere i lavori il Nobel per la Pace Yunus. Wisesociety.it tra i media partner

Mariella Caruso
29 giugno 2015

Logo_SEWF2015È cominciato il conto alla rovescia per il Social Enterprise World Forum, evento che dall’1 al 3 luglio riunirà a Milano il mondo dell’impresa sociale. Partito nel 2008 da Edimburgo, il Sewf arriva in Italia per la prima volta grazie alla promozione della Fondazione Acra-Ccs, la partnership di Fondazione Cariplo e dell’Università Iulm e dell’apporto di Wisesociety.it che sarà media partner della tre giorni (cliccare qui per il programma) ospitata in varie sedi, che s’inizierà nell’auditorium di Expo.

I TEMI – Sono tante le domande alle quali l’ottava edizione del Social Enterprise World Forum, il cui tema è Growing a new economy, tenterà di rispondere, a partire da quella principale che riguarda il ruolo nella società odierna dell’impresa sociale. A dibattere sugli argomenti politici, opinion maker, ma, soprattutto, uomini e donne attivamente impegnate in queste realtà che arrivano da tutto il mondo. Sono quattro le tematiche principale in cui saranno articolate le sessioni di lavoro: l’ecosistema che promuove l’impresa sociale; l’impact investing; l’impresa sociale coma antidoto alla povertà e nutrire il pianeta.

RELATORI E SESSIONI DI LAVORO – Nelle oltre quaranta sessioni di lavoro distribuite nei tre giorni interverranno 170 relatori. Da Londra arriverà Michael Green, ad del Social Progress Imperative, che presenterà il Social Progress Index, parametro che nella sua visione dovrebbe sostituire il Pil. È italiano Fabio De Pasquale, che è tra i fondatori dell’utility “sociale” Devergy, mini-reti solari di villaggio che offrono alla popolazione a basso reddito della Tanzania rurale accesso economico all’elettricità. Da Singapore arriva Dureen Shanhaz, cui si deve l’idea e la realizzazione del Social Stock Exchange. Dal Canada ecco Tara McDonald’s, direttore esecutivo della Vancouver Farmers Markets, l’Associazione dei mercati degli agricoltori a km zero di Vancouver. Ognuno dei relatori ha una storia positiva, e alternativa, da raccontare per comprendere qual è il presente e quale potrebbe essere il futuro delle imprese sociali. A chiudere gli interventi venerdì 3 luglio alla Fondazione Eni di corso Magenta sarà il premio Nobel per la pace, Muhammad Yunus che, per chi non lo ricordasse, è l’ideatore del moderno microcredito che ha permesso a migliaia di persone che avrebbero mai potuto ottenere finanziamenti da una banca tradizionale di poter avviare una propria attività.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20792 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24405 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12939 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23107 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8694 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23121 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2885 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23863 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24406
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY