Wise Society : Moda e sostenibilità: il marchio Cangiari difende equità e diritti umani
SPECIALE : Cibo biologico
ARTICOLI Vedi tutti >>

Moda e sostenibilità: il marchio Cangiari difende equità e diritti umani

Capi artigianali, tessuti bio certificati, filiera etica. Il fashion brand "made in Locride" ha vinto la sua scommessa, puntando su una produzione equa e responsabile

Donatella Pavan
23 gennaio 2012

Etichetta prodotti cangiariÈ il fashion brand etico e sociale del Gruppo Cooperativo Goel. Ha debuttato a Milano nel settembre 2009 ed oggi, con le nuove collezioni firmate dalla stilista fiorentina Maria Paola Pedetta, è in vendita on-line e nelle migliori boutique italiane. Un’accoppiata interessante ed insolita quella della lotta all’illegalità attraverso un marchio di moda, che risulta particolarmente efficace: in ogni aspetto della vita di questo marchio si trova un pezzo della battaglia per la giustizia. Cangiari parla di diritti umani, equità, moda e sostenibilità, ecologia, legalità e non violenza. A partire dal nome: Cangiari in calabrese vuol dire “cambiare”  in senso transitivo (il mondo) e riflessivo (se stessi): un progetto per cambiare la Calabria, ma anche l’interno del sistema moda, con lo slogan “Beauty is different”: una riflessione sulla dignità della persona. Anche i tessuti non sono scelti casualmente: sono perlopiù biologici e certificati da Icea, (l’Istituto per la certificazione etica e ambientale) e, tranne il lino e il cotone, prodotti e filati in Calabria. Tutta la filiera di produzione è composta da cooperative che “abitano il proprio territorio”, sono legate alle comunità di appartenenza, si battono contro le mafie e inseriscono al lavoro persone svantaggiate (con handicap, malattie mentali e problemi di dipendenze, donne e giovani disoccupati, detenuti o ex-detenuti, famiglie in difficoltà, migranti). Un insieme di meriti che nel maggio del 2010 hanno portato Cangiari, unico marchio italiano, ad essere premiato al Salone del Lusso Sostenibile di Parigi: “1.618 Sustainable Luxury Fair”, sulla base di criteri quali il rispetto dell’ecosistema e dei diritti umani, la ricercatezza dei materiali, il pregio delle lavorazioni. Una nota particolare: la sede dello show-room: si trova in via Montesanto 10 a Milano, in uno spazio confiscato alla ‘ndrangheta.

Tessitrice

 

 

 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Una risposta a Moda e sostenibilità: il marchio Cangiari difende equità e diritti umani

  1. luciana versolatti

    per cortesia, posso avere info su una donna calabrese che ancora mani+tiene viva la tradizione della bachicoltura e la produzione artigianale della seta lavorata a telaio? Mi hanno detto che vive in Calabria.

    Attendo una vostra graditissima rispsota
    Grazie
    Luciana Versolatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8681 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 358 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8683 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8684 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1233 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6397 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6160 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3198 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1032 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6262 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8680 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6841 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3197 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1797 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8682 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8686 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7603 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2699 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8678
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY