Ferrovie dello Stato Italiane
Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane contribuisce a sviluppare un impegnativo progetto di mobilità e di logistica per l’Italia, ha accompagnato più di ogni altra impresa lo sviluppo economico, sociale e ambientale della nazione, è da sempre sensibile agli appelli di aiuto della cittadinanza più povera e disagiata nella convinzione che sviluppo e coesione sociale non possano essere separati, ritenendo che una impresa più è grande maggiori sono le responsabilità sociali nei confronti del Paese in cui opera.
Help Center in Lussemburgo, esempio di buone pratiche tra Reti Ferroviarie EU

L’Help Center della stazione  centrale in Lussemburgo, inaugurato a  marzo 2016 ,  è frutto dello scambio di buone pratiche sui temi sociali sviluppatosi tra le imprese ferroviarie europee che hanno sottoscritto la Carta Europea della Solidarietà,  la quale conta ora 12 partner  tra cui Il Gruppo FS che ne detiene fin dalla sua formazione la carica di copresidenza insieme a SNCF.

L’Help Center, denominato  “Para-Chute”, nasce in locali  delle ferrovie lussemburghesi e segue il modello italiano anche nelle finalità, che sono essenzialmente quelle della presa in carico delle persone disagiate e del loro orientamento verso i servizi di accoglienza che il Comune di Lussemburgo mette a disposizione in collaborazione con l’associazionismo locale. Per rafforzare la rete sociale europea  è stato gemellato con l’Help Center di Trieste. In un periodo molto travagliato nei rapporti tra gli Stati Europei sui problemi dei flussi migratori, iniziative come queste, dimostrano che sui temi dell’inclusione sociale vi sono imprese che possono essere da esempio e generare quello scambio di buone pratiche più volte richiamato nel Trattato di Lisbona.