Wise Society : Digital food, il progetto di Mastercard e World Food Programme
WISE BLOG Vedi tutti >>

Digital food, il progetto di Mastercard e World Food Programme

L'innovazione digitale al servizio di una battaglia lunga secoli, quella contro la fame e la povertà nel mondo

Ilaria Lucchetti
14 settembre 2012

digital foodIl colosso delle carte di pagamento e il World Food Programme hanno concluso un accordo globale che, grazie all’innovazione digitale, fa sperare nell’aumento di aiuti concreti alle popolazioni affamate che vivono nelle zone più povere del pianeta.

«La nostra collaborazione con Mastercard è un ottimo esempio di come partnership innovative nel settore privato forniscano nuovi strumenti per combattere la fame – ha commentato il direttore della Comunicazione di WFP, Nancy Roman – Sfruttando le conoscenze tecniche e la presenza globale di Mastercard, potremo sviluppare ulteriormente sia il programma di voucher elettronici, che permette alle famiglie indigenti di tutto il mondo di acquistare alimenti ad alto valore nutritivo sui mercati locali, sia il meccanismo di donazione online che coinvolge privati e aziende impegnati nella lotta contro la fame nel mondo»

Attraverso questa collaborazione, infatti, sarà possibile migliorare e potenziare i sistemi per la distribuzione dei voucher alimentari a chi è sprovvisto di canali di accesso alle banche e ai servizi finanziari, mediante l’utilizzo di telefono cellulare o carte di pagamento. In questo modo, le economie locali che già ora sono positivamente stimolate dalla circolazione dei voucher, riceverebbero una spinta ulteriore. E, contemporaneamente, alle comunità più povere arriverebbe una quantità maggiore di aiuti di beni primari, come il cibo. Un’altra ricaduta positiva e attesa da questa “alleanza” sarà poi il miglioramento dell’efficacia del meccanismo delle donazioni online perché verrà ampliata la gamma dei metodi di pagamento in rete. Inoltre, le imprese potranno integrare le modalità di donazione nei loro prodotti cosicché il versamento potrà essere fatto direttamente alle casse dei negozi. Piuttosto che saranno previste opzioni all’interno delle applicazioni mobili e dei giochi.

Di cosa parla questo articolo?
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai già votato, attendi un giorno per esprimere nuovamente il tuo parere