Wise Society : Vado a vivere in un ecovillaggio
SPECIALE : Cibo biologico
ARTICOLI Vedi tutti >>

Vado a vivere in un ecovillaggio

Olivia Rabbi
20 giugno 2013

Torri SuperioreC’è sempre più voglia di vivere fuori dagli schemi di una società consumistica e alienante, che spinge all’isolamento, cercando nuove modalità di abitare in stretto rapporto con la natura e con un diverso equilibrio fra spazio privato e spazio comunitario.

Sono solo alcuni dei motivi che stanno spingendo coppie, famiglie e single verso l’esperienza dell’ecovillaggio, termine di derivazione anglosassone che indica una comunità basata su condivisione e approccio ecologico spiccati.

Un profilo unico non c’è, la mappa italiana degli ecovillaggi – secondo la Rete italiana villaggi ecologici Rive (www.mappaecovillaggi.it) che a oggi ne conta 23 – svela un universo multiforme e variegato, senza una matrice ideologica unica, ma con un punto fermo in comune: condividere non solo la quotidianità e le diverse attività ma dare vita a una microsocietà ecosostenibile per l’autoproduzione e l’autosufficienza, anche energetica, nella quale il vero patrimonio comune sono i saperi, le conoscenze e le esperienze.

Sarà anche per colpa (o merito) della crisi economica, ma l’idea di avvicinarsi alla vita in ecovillaggi è in crescita, e non solo per brevi periodi di vacanza.

La ricerca di un nuovo modello di vita

 

Nata da un’idea di condivisione e vita di gruppo basata su comprensione, rispetto reciproco e collaborazione, la Comune di Bagnaia di Ancaiano-Sovicille (Siena), nata nel 1979, conta una ventina di residenti che praticano la totale condivisione dei beni e il rifiuto della proprietà privata.

L’associazione “La Comune di Bagnaia Onlus”, a proprietà indivisa, gestisce e redistribuisce i ricavi. «Ognuno di noi riceve un contributo mensile per le spese personali»,  racconta Alfredo Camozzi, presidente della Comune, «mentre il resto dei bisogni personali, come salute, scuola, trasporti, è gestito dalla onlus».

A ciascuno il compito di collaborare in prima persona ai turni di cucina e pulizie. L’organizzazione interna è assembleare e le decisioni sono prese all’unanimità. Alla gestione del podere agricolo da 80 ettari per orti, frutteti, vigne, olivi, compreso l’allevamento di animali (pollame e maiali), per l’autosufficienza alimentare e la vendita di prodotti bio, si affianca il lavoro esterno alla comunità.

Ad accogliere le attività della Comune è un casolare recuperato utilizzando le tecniche costruttive della tradizione locale e della bioedilizia, cui si aggiungono pannelli solari e fotovoltaici per l’energia “verde”. «Nella Comune abbiamo spazi per le attività collettive e ognuno ha una propria camera, nella quale vivere da soli o insieme ad altri, perché ciascuno possa avere spazi individuali e nello stesso tempo armonizzarsi nel gruppo», aggiunge Camozzi.

Come far rinascere un borgo abbandonato

 

Comunità Torri SuperioreDa borgo contadino medievale abbandonato nell’entroterra di Ventimiglia, in Liguria, a ecovillaggio a vocazione turistica: Torri Superiore contava un solo abitante quando, nel 1989, due privati sensibili ne avviano il recupero con l’acquisto delle prime porzioni immobiliari.

Nello stesso anno nasce l’associazione culturale Torri Superiore, per coniugare nuova socialità e  rilancio del patrimonio storico. Il cuore della comunità è la struttura ricettiva da quattro piani e una ventina di posti letto, aperta da marzo all’Epifania. «Siamo persone che condividono un progetto, ognuno con le proprie ragioni», spiega Massimo Candela, legale rappresentante della Cooperativa Ture Nirvane che gestisce le attività eco-turistiche, «viviamo in una società che spinge a vivere da soli, lo “stare insieme” invece è tutto da costruire».

A Torri Superiore abitano 25 persone, dieci i bambini; ognuno versa una quota fissa per gli spazi condivisi e le spese del cibo, consumato in modo conviviale.

Al turismo si affianca la coltivazione di orti, frutteti e piccoli allevamenti. In 15 anni di lavori il restauro ha coinvolto artigiani del posto e stranieri, residenti che hanno autocostruito la propria casa e volontari, usando i materiali della tradizione costruttiva locale come la calce e la pietra, insieme con isolanti naturali come il sughero e la fibra di legno. Il riscaldamento a legna si abbina ai pannelli solari, e si guarda anche al fotovoltaico.

Sviluppare solidarietà e uguaglianza

 

Un luogo che mira a promuovere un nuovo modello di vita sostenibile e di autosostentamento, per migliorare la qualità della vita e consolidare valori umani di solidarietà e uguaglianza, dove il mondo degli “ugual-abili” è in contatto con quello dei “divers-abili” in modo naturale e lieve.

“Casa di Ioio”, un modulo abitativo autocostruitoEcco la descrizione dell’associazione di volontariato Arcipelago Sagarote, che a Diamante (Cosenza) ha creato un ecovillaggio recuperando una vecchia costruzione di cemento armato mai completata, con 7 ettari di terreno intorno.

Il rapporto armonico fra uomo e ambiente si fonda sul mix fra natura, animali, incontro, teatro, orti, video, artigianato artistico, musica, laboratori, terapia con gli asini, accoglienza, marionette e attività ludiche.

Con quattro residenti stabili, l’ecovillaggio è meta di arrivo ogni anno di molti volontari da tutto il mondo, a partire dall’associazione Wwoof (wwoof.it). «Le nostre attività ci aiutano per il recupero e il sostegno delle persone con problemi di disabilità», spiega Luciana Virginia Pasetto, che si è trasferita da Verona insieme con il figlio Gregorio, affetto da sindrome di Down.

Attraverso la natura e il recupero di antichi lavori l’integrazione delle persone con disabilità avviene in modo naturale. «Natura e animali possono avere un effetto benefico su persone che hanno bisogno di un tempo diverso», aggiunge. Accanto all’abitazione principale restaurata con materiali di riciclo naturali ha preso forma la “Casa di Ioio”, un modulo abitativo autocostruito in collaborazione con Ced Terra (usando terra, juta e tegole) utilizzato per le attività di laboratorio con i bambini.

 

 

L’importanza di avere buone relazioni

 

Dodici famiglie insediate stabilmente. Quattro le case “di vacanza” non abitate tutto l’anno. Ecco il Villaggio toscano di Upacchi, vicino ad Anghiari (Arezzo). Il patrimonio originario, tranne il centro comune, la sorgente d’acqua e i parcheggi, è stato privatizzato nel 2002, quando la cooperativa che aveva dato il via al progetto di reinsediamento è stata sciolta per difficoltà di gestione.

Malgrado il ricambio parziale degli abitanti, l’impronta iniziale è rimasta: un vecchio borgo contadino recuperato in base un’idea di comunità alternativa vicina all’ambiente e a una nuova socialità all’insegna del “buon vicinato”. «Non è stato possibile portare avanti l’idea originaria: all’epoca eravamo entusiasti e abbiamo sottovalutato l’importanza delle relazioni interpersonali», dice Eva Klotz, fra i fondatori della comunità. Gli abitanti coltivano erbe officinali, orti e frutteti, producono stufe d’argilla, si occupano di educazione, comunicazione e progetti di ospitalità naturale.

La ristrutturazione dell’abitato ha coinvolto abitanti, artigiani e aziende della zona con l’impiego di pietra e legno; per l’autocostruzione del centro comune, che oggi ospita iniziative per il tempo libero, feste, concerti, cucina comunitaria e attività culturali, i residenti hanno usato paglia, legno e argilla. «L’esperienza non andata a buon fine mi ha spinto personalmente a studiare la comunicazione e la sua importanza, perché non si ripeta l’errore che abbiamo fatto noi all’inizio. E quindi per me è stata comunque un’occasione di crescita. Oggi vedo che c’è molta più consapevolezza in chi percorre strade simili alla nostra».

Upacchi e Poggiolo

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

13 risposte a Vado a vivere in un ecovillaggio

  1. antonella brina

    Se c’è un posto libero, mi offro!! Alla disperata ricerca di una vita umana, per restare umana:
    Buona vita a tutti voi, coraggiosi!
    yatra

  2. graziella crippa

    C’è posto per questa estate?

  3. Bellissimo progetto 😉 Noi dell’apebianca abbiamo gli stessi ideali… ed con questo tipo di mentalità e consapevolezza che apre a Forlì L’apebianca, il primo centro in Italia dove consumo consapevole e cultura si incontrano per sostenere un nuovo stile di vita. L’apebianca è uno spazio che propone, in oltre 1.000 metri quadri di esposizione, non solo prodotti biologici e servizi ecosostenibili, ma anche eventi culturali e momenti di scambio e aggregazione dedicati al vivere etico.

  4. lisa

    Mi piacerebbe partecipare!!sembra un bellissimo progetto!

  5. Annamaria

    bungiorno a tutti! sono anni che ho questo sogno di vivere in una comunità come questa ma non ho mai saputo a chi rivolgermi per avere info pratiche. vorrei sapere se chiunque viene accetato e in che modo far avvenire il trasferimento. spero che mi rispondiate al più presto perchè il mio desiderio di cambiare totalmente stile di vita diventa giorno dopo giorno più profondo mentre il continuare a far parte di questa società individualistica e consumistica mi sta avvelenando l’anima.

    grazie in anticipo,

    Anna

  6. gabriele

    ciao possibile avere qualche informazione..sono disposto a mollare tutto e far parte di voi..saluti gabriele..spero in una risposta

  7. Cristian Borella

    Ciao,:) vorrei vivere l’esperienza di un eco villaggio, cn poi magari la possibilità di poterci vivere… se qualcuno puo darmi informazioni ne sarei grato.. io sn da Padova e cercherei un compagno/a di avventura

  8. Antonella

    Ciao a tutti … Sono Antonella………… la voglia di mollare tutto questo sistema di vita frenetico stressante e sempre pieno di problemi… affitto…. lavoro vita frenetica…………………….. sono al limite…… ci sarebbero dei posti per poter venire da Voi? .. grazie

  9. francesco

    cerco cittadini per ecovillaggio in calabria basato su agricoltura e allevamento
    tel 388 87 57 049.
    antonio.

    • simo

      ciao Antonio, è ancora possibile inserirsi nell’eco villaggio in Calabria? in quale provincia si trova?

  10. Adriano

    ciao sono Adriano, sono disposto a vivere li da voi,vorrei sapere come si fa a mettersi in contatto grazie,se volete contattarmi e cco il mio num di cell 3450393455

  11. Francesca

    Sarebbe un sogno! Vorrei partecipare da subito 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8376 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8381 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2871 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 57 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 358 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8382 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 93 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1366 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 179 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6397 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8379 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3499 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 60 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8370 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 940 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 30 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8384 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 117 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8375 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8385 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8378 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8380 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 764 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6389 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8371 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1220 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8372 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8377 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 808 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8383
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY