Wise Society : Saloni e FuoriSalone, la guida sostenibile di Wisesociety
ARTICOLI Vedi tutti >>

Saloni e FuoriSalone, la guida sostenibile di Wisesociety

Da Rho a via Tortona, un itinerario tematico a sfondo green per chi vuole scoprire le tendenze sostenibili del design

Maddalena Bonaccorso
7 aprile 2014

Stone Forest by Kengo Kuma AssociatesI Saloni, tradizionale appuntamento milanese con l’arredo e il design, non sono mai stati così green. Da Rho a via Tortona, passando attraverso tutte le location che ospitano le installazioni della kermesse, è tutto un fiorire di iniziative e idee eco-sostenibili, a impatto zero, tutte improntate a una filosofia antispreco. Un’apertura a tematiche in linea con quelle di Expo 2015 che, finora, avevano riguardato più un pubblico di nicchia che la grande massa dei visitatori.

Per districarsi quindi nella marea di appuntamenti sostenibili wisesociety ha preparato una piccola guida per costruirsi un piccolo itinerario tematico a sfondo green. Cominciamo dagli appuntamenti organizzati dalla rivista Interni, che come al solito “requisisce” i cortili e i chiostri dell’Università Statale di via festa del Perdono per dare spazio a installazioni monumentali, ma attente all’ambiente. Quest’anno il tema è “Feeding new ideas for the city”, e la mostra, per la quale sono stati chiamati architetti come Daniel Libeskind e designer quali Ferruccio Laviani, sarà un’interpretazione di Expo2015: “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Sarà interessante anche scoprire come colossi industriali come Audi (con l’installazione firmata da Walter Maria De Silva) e Agusta, marchi entrambi presenti in Università con i loro concept, sapranno riproporre e veicolare il loro messaggio in termini di sostenibilità. Interni quest’anno raddoppia e apre alla città anche l’Orto Botanico di via Brera con le installazioni di Piero Lissoni.

Green Village

Spostandoci in zona Tortona, nei bellissimi spazi del Superstudio 13 di via Forcella, l’agenzia di comunicazione e design Io Abito Bio darà vita a un vero e proprio “Green Village”: un progetto di eco-villaggio completo che mostrerà la sua anima sostenibile affrontando tutti i possibili modi e le nuove idee per abitare rispettando, tra l’altro, i principi naturali della tradizione indovedic.  Il percorso, a cura di aziende che fanno del rispetto per l’ambiente la loro mission, comprende le sezioni: home, food, energie alternative, mobilità sostenibile, well-being, kids, e turismo consapevole. Il tutto arricchito con eventi, performance, showcooking, laboratori.

Alla Fabbrica del Vapore di via Procaccini andrà invece in scena il mondo del design di ricerca e autoproduzione di “Sharing Design”, luogo dove la cultura incontra la sostenibilità e il mondo dei maker, in nome  dell’utilizzo condiviso, vera chiave del risparmio delle risorse. Sempre alla Fabbrica, nel grande piazzale verrà dato spazio alle idee sull’ambiente grazie a “Green Utopia, Architettura vegetale” e a “Terapia d’Orto”: 2.000 metri quadri per osservare e studiare le future frontiere del vivere e dell’abitare green. In mostra ci saranno costruzioni in bambù, in paglia, in salice e in terra cruda, ortoterapia, feng shui e agricoltura urbana.

Tutto dedicato ai nuovi talenti dell’ecodesign è invece “Green in Italy”, appuntamento giunto ormai al quinto anno di vita ospitato al Nhow di via Tortona e dagli spazi della Provincia di palazzo Isimbardi.

Guardando all’estero, ecco “Landscaping- Dutch design for a new city garden”, progettato dallo studio aMAZElab al Giardino del Terraggio situato nell’omonima via e dedicato al verde urbano. La mostra fotografica del paesaggista Piet Oudolf promuoverà azioni innovative nel campo della socialità urbana attraverso il design di parchi e spazi pubblici.

Per chiudere con gusto ecco la riscoperta dei classici ingredienti del territorio dell’associazione Maestro Martino con il mondo del chilometro zero, con l’associazione e la sua riscoperta dei classici ingredienti del territorio. L’Associazione, rappresentata dallo chef Carlo Cracco, nata per sostenere il territorio lombardo e le sue eccellenze gastronomiche, lancerà la Milano Gourmet Experience con aperitivi a km 0 negli hotel a 5 stelle della città e con Gourmet Mobile, dedicato allo street food d’autore.

Dutch Design

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 823 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22178 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22174 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22175 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11847 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7295 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22176 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22172 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22173 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22039 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22177 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 42
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY