Wise Society : Isolanti naturali: mettete funghi nelle vostre pareti
ARTICOLI Vedi tutti >>

Isolanti naturali: mettete funghi nelle vostre pareti

Isolare case e edifici solo con materiali naturali, per avere case più sane e un ambiente più pulito. Un'azienda americana ci prova con i funghi. Buoni, certo, ma soprattutto rinnovabili, ignifughi e non nocivi

11 luglio 2013

Se fino ad oggi l’idea di una casa fatta di funghi poteva al massimo far pensare ai Puffi, in futuro potrebbe essere diverso. Soprattutto se avrà successo l’esperimento che sta conducendo l’azienda americana Ecovative, già all’avanguardia nel campo degli ecomateriali per aver fornito alla Dell, multinazionale hi tech, un packaging compostabile fatto di bambù e funghi.

Con l’obiettivo di liberare le case e gli edifici in generale dalle schiume e dai rivestimenti plastici, Ecovative sta sperimentando un materiale ad alta performance isolante, rinnovabile, sicuro e non nocivo per la salute: il micelio, l’intreccio di filamenti che costituisce l’apparato vegetativo dei funghi. In pratica, la radice.

La tecnologia myco-foam è stata messa punto allestendo una piccola casa in legno le cui pareti sono state riempite con un mix di micelio e scarti agricoli. Trenta centimentri circa di materiale inserito ogni due giorni, il tempo impiegato per permettere a ogni strato di crescere senza soffocare. Sì perchè l’isolamento con i funghi nelle pareti è vivo e in crescita, e una volta cresciuto secca, creando una chiusura ermetica e un’eccellente protezione termica che aderisce come un pannello.

Non tossico, non infiammabile, perfettamente isolante, libero da prodotti chimici. Secondo Ecovative, il micelio potrebbe costituire un altro passo avanti verso la costruzione di edifici senza plastiche. Per ora è un bellissimo esperimento, che però è già stato messo in mostra alla Yestermorrow Design Build School dove molti volontari hanno seguito un workshop per costruire, da sé, le proprie pareti di casa.

Foto di SeaMoon/flickr

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 57 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21135 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 19849 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21131 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21133 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21132 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6267 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21134 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8139
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY