Wise Society : Fuorisalone, design e arredo puntano all’ecosostenibile
ARTICOLI Vedi tutti >>

Fuorisalone, design e arredo puntano all’ecosostenibile

Dalla carta da parati ai pavimenti, sono tante le soluzioni della rassegna milanese all’insegna del green

Andrea Ballocchi
16 aprile 2016

Il Fuorisalone si tinge di verde. Sempre più sono le aziende e i designer che sviluppano idee e prodotti ecosostenibili, in ogni ambito dell’arredo. E lo si nota nelle proposte viste in questi giorni a Milano per la rassegna dedicata al design. Ecco alcune delle idee più interessanti che Wise Society ha raccolto.

Setsu & Shinobu sedia Stay riforestazione certificata prodotti ecosostenibili Milano Design Week materiali ecosostenibili legno millenario Fuorisalone 2016 certificazioni energetiche cartone carta da paratiCARTA DA PARATI – Disegni di Guido Crepax, scalinate in marmo, persino scimmie che sembrano reali e materiali al 100% ecosostenibili. La carta da parati rinasce nel segno dell’attenzione all’ambiente: è ciò che propone Wallpepper, azienda italiana nata un anno e mezzo fa e che si è fatta subito notare in positivo per originalità e dna green. I motivi sono stampati su tessuto non tessuto in cellulosa e cotone e anche i colori sono prodotti con inchiostri a base acqua. Non solo: i prodotti sono resistenti al fuoco e in classe 1.

Sempre in tema c’è anche un’altra realtà italiana, London Art, che propone carte da parati in tessuto non tessuto e in pvc dall’impatto ambientale ben al di sotto delle norme in materia e certificate secondo le direttive europee e mondiali in materia di emissioni. Le stesse colle utilizzate sono ecologiche, realizzate con resine vegetali, a base d’acqua. «Il mercato ha cominciato a mostrare sempre più attenzione al discorso green – spiega Nicola Bottegal, titolare della realtà italiana – Soprattutto a livello contract, i clienti che gestiscono ambienti pubblici come gli alberghi, richiedono determinate certificazioni come principale requisito».

ARREDI – Il cartone è il protagonista per soluzioni d’arredo totalmente ecologici per Staygreen, azienda italiana che in occasione di Milano Design Week e di Fuorisalone ha presentato il sofà e pouf Botto, disegnato dai designer giapponesi Setsu & Shinobu Setsu & Shinobu sedia Stay riforestazione certificata prodotti ecosostenibili Milano Design Week materiali ecosostenibili legno millenario Fuorisalone 2016 certificazioni energetiche cartone carta da paratiIto, in cartone, ecopelle e legno: un prodotto trattato in modo da essere utilizzato anche in ambienti outdoor coperti. Gli stessi materiali entrano in gioco per la sedia Stay, sempre del duo nipponico. Dai materiali alle vernici ai collanti (ricavati dalla pianta di pisello) tutto è all’insegna del biologico.Sempre il cartone trova spazio per la rivisitazione delle antiche anfore, appunto con Amphora, arricchita quest’anno dalla combinazione con diffusore acustico in modalità bluetooth.Nata tre anni fa, l’impresa italiana è nata dal riscontro di una sempre maggiore attenzione del mercato per i prodotti green.

PAVIMENTI E RIVESTIMENTI – Il legno millenario recuperato dal sedimento fluviale del Danubio si rinnova e si trasforma per rivestimenti attenti al design: è l’originale proposta della RU – Agenzia Legnami, azienda veneta specializzata in rivestimenti e in pavimenti in legno per interni ed esterni. Oltre a questo, c’è anche la proposta di rivestimenti, sempre con legno di recupero di antichi fienili di abitazioni in disuso. Per quanto riguarda i pavimenti, l’impresa di Sacile (Pordenone), presenta soluzioni per esterni in teak certificato Fsc, con piante provenienti dal Brasile dove si trova la più grande riforestazione certificata al mondo col marchio della gestione forestale responsabile.

RESINE VEGETALI – Si chiama Arte Viva ed è un sistema di resine naturali Fuorisalone ecosostenibile, Foto di A. Ballocchibiocompatibili a base acqua prodotte da un’azienda toscana che permette di intervenire in pochi giorni su qualsiasi superficie senza dover demolire, permettendo di rinnovare qualsiasi ambiente, privato o pubblico, residenziale o commerciale. Si tratta di stendere una patina dallo spessore minimo (2 mm) che può essere applicato su ogni tipo di materiale. Tutti i prodotti sono conformi alle norme relative a resistenza al fuoco, scivolosità, emissioni di composti organici volatili, conducibilità termica e perfino contatto con alimenti.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25787 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2742 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25068 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25758 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25793 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6288 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 16376 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25785 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25794 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25788 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25789
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY