Wise Society : Il sogno di vivere in una casa rotante
ARTICOLI Vedi tutti >>

Il sogno di vivere in una casa rotante

Ecosostenibili e a basso impatto ambientale, ce ne sono in varie parti del mondo. Anche se i primi edifici rotanti sono stati costruiti in Italia

Michele Novaga
7 febbraio 2017
casa rotante, heliotrope, sharifiha, suitevollard

Anche in Brasile a Curitiba è possibile vivere in una casa rotante, Radamés Manosso/Flickr

Case (ma anche interi quartieri) dalle forme sempre più strane e avveniristiche e progettate anche con un occhio all’ambiente. Negli ultimi anni è un continuo rincorrersi di invenzioni architettoniche per dar vita a edifici sempre più ecosostenibili ed originali: case passive, ecovillaggi, case costruite con i rifiuti, grattacieli con tantissime varietà di alberi e piante sui terrazzi per dare l’idea di un bosco in verticale. Ma l’architettura contemporanea ha creato anche altre tipologie di edifici ecosostenibili. E non da ora. Come le case rotanti, costruzioni progettate per fornire all’edificio luce e sole ad ogni ora del giorno sfruttandone l’energia.

Se si esclude un prototipo mini, costruito 100 anni fa dal commediografo Bernard Shaw che lui stesso faceva ruotare azionando una manovella, la prima casa rotante fu costruita in Italia a Mezzavilla di Marcellise nel 1929 dall’ingegnere Angelo Invernizzi che progettò Villa Girasole come casa di villeggiatura per sé e per la sua famiglia. Una casa art decò che girava su sé stessa grazie ad un perno centrale mosso da due motori a nafta che facevano ruotare l’edificio di 360 gradi in poco più di nove ore e che oggi non funziona più.

Oggi esempi di casa rotante se ne trovano in varie parti del mondo. In Germania, in Iran, in Australia, in Brasile e presto anche a Dubai dove sorgerà addirittura un grattacielo rotante di 80 piani e 420 metri che sarà pronto nel 2020.

A Friburgo in Germania dal 1994, c’è Heliotrope, casa a forma cilindrica che ruota su se stessa grazie ad una colonna centrale ancorata ad una piattaforma girevole mossa da un motore elettrico e costruita su progetto dell’architetto Rolf Dish nel 1994. Un edificio costruito in legno e vetro che si alimenta grazie ad energie alternative. Oltre all’impianto fotovoltaico a ventiquattro pannelli solari da 10,5 chilowatt posizionato sul tetto che si orienta autonomamente a seconda della posizione del sole, l’Heliotrope raccoglie l’acqua piovana che riutilizza per i servizi igienici, produce il gas per la cucina ricavandolo dalla fermentazione di liquami biologici e si raffredda grazie ad un serbatoio solare che recupera il calore.

casa rotante, heliotrope, sharifiha, suitevollard

Sharifi-ha house, casa rotante di Teheran, Foto: Designmilk/Flickr

La Sharifi-ha house dell’architetto Alireza Taghaboni invece si trova in Iran a Teheran ed è un edificio residenziale di sette piani che si trasforma in base alle stagioni grazie a delle capsule in legno che si muovono di 90 gradi e ad un meccanismo simile a quello che muove i set teatrali. Ispirato alle tradizioni abitative delle case persiane dotate di due zone distinte da abitare a seconda delle condizioni climatiche e delle stagioni, gli abitanti della Sharifi-ha possono decidere l’angolazione più conveniente mutando la dimensione degli ambienti

A Curitiba, in Brasile, invece, un architetto italiano Franco Bruno ha costruito un edificio residenziale chiamato Suite Vollard: in esso gli 11 appartamenti di ogni piano (ognuno di oltre 200 metri quadrati) ruotano intorno alla metropoli compiendo in un’ora con un consumo di pochi kilowatt, un giro completo consentendo l’orientamento al sole di un ambiente della casa invece di un altro.

Anche a Sidney in Australia c’è un casa rotante a forma ottagonale alimentata da un piccolo motore elettrico controllato da un computer. E una villa da sogno rotante (che assomiglia un po’ a quella dei puffi) di oltre 600 metri quadrati con piscina sorge dal 2001 nelle campagne sudafricane di Helderberg disegnata dall’architetto Raymond Alexander.

Anche a Barge in provincia di Cuneo, c’è una casa è rotante. A metà tra un fungo e un’astronave, è stato lo stesso proprietario, Michele Beltramone, idraulico in pensione, a costruirla realizzando il sogno di vivere in una casa in cui il panorama varia di ora in ora permettendo una rotazione di 360 gradi in 56 minuti.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2543 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27102 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27101 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 30 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21276 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27104 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27109 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27107 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27108 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 683 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27103
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY