Wise Society : Spreco alimentare: ogni italiano butta via 1000 chilocalorie al giorno
ARTICOLI Vedi tutti >>

Spreco alimentare: ogni italiano butta via 1000 chilocalorie al giorno

Lo dice l'ultimo rapporto dell'Ispra che calcola il costo economico annuo (16 miliardi di euro) dello spreco indicando anche le gravi ripercussioni per l’ambiente (il 7% delle emissioni di gas serra nell’atmosfera).

Fabio Di Todaro
17 novembre 2017
spreco alimentare, ispra, gas serra

Lo spreco alimentare contribuisce al sette per cento delle emissioni di gas serra nell’atmosfera, image by iStock

Un anno dopo l’entrata in vigore della legge antispreco, che incentiva il sistema delle donazioni, la quantità di cibo elargita è cresciuta del venti per cento. Un dato incoraggiante, ma che non permette di parlare dello spreco alimentare al passato. Ogni giorno, infatti, ogni italiano dissipa una quantità di cibo corrispondente a un apporto energetico di 960 chilocalorie: all’incirca la metà di quelle che dovrebbe consumare una persona normopeso in una giornata di dieta equilibrata. Il dato emerge dal rapporto «Spreco alimentare: un approccio sistemico per la prevenzione e la riduzione strutturali», con cui l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra) ha fotografato la situazione degli ultimi otto anni: quelli compresi tra il 2007 e il 2015. Il contributo, superiore alla media mondiale (660 chilocalorie), si traduce in un costo economico annuo pari a 16 miliardi di euro. Ma più gravi sono le ripercussioni per l’ambiente, se si considera che lo spreco alimentare contribuisce al sette per cento delle emissioni di gas serra nell’atmosfera.

IL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA DELLA RIVOLUZIONE VERDE – Il rapporto fornisce dati e informazioni sull’impronta ecologica dello spreco, che incide sul cosiddetto deficit di biocapacità: ossia la capacità potenziale di erogazione di servizi naturali. Il dato in Italia raggiunge la quota del 18 per cento. I suoi effetti ambientali sono associati soprattutto alle fasi iniziali della catena di produzione agroalimentare. Dopo quasi mezzo secolo dalla cosiddetta «Rivoluzione Verde», che ha pure avuto il merito di incrementare la produttività agricola, è dunque sempre più evidente che i sistemi alimentari, soprattutto quando hanno assunto forme d’intensificazione, sono stati una delle cause scatenanti dell’alterazione dei processi climatici, dei cicli dell’azoto e del fosforo, della perdita dell’integrità biologica, della riduzione della disponibilità di acqua e del consumo di suolo fertile. Dal dossier s’evince pure un notevole aumento di sprechi tra produzione e fornitura (+48 per cento), una sovralimentazione in fortissimo aumento (+144 per cento) e uno spreco in consumo e vendita al dettaglio che diminuisce del 23 per cento. Nel mondo la sovralimentazione media rappresenta il dieci per cento del consumo e arriva al 16 per cento in Italia. Mediamente agli aumenti del fabbisogno alimentare si risponde con eccessi crescenti di forniture, consumi e ancor più raccolti, generando aumenti esponenziali di spreco. Al contrario con la riduzione di produzione e forniture calano anche gli sprechi.

LE VOCI CHE CONCORRONO ALLO SPRECO – Nel fabbisogno alimentare, l’Italia continua a perdere terreno: il tasso di auto-approvvigionamento è sceso all’80 per cento, soprattutto in conseguenza dell’esodo rurale e dell’abbandono agricolo che vede l’Italia al primo posto in Europa. Il rapporto dell’Ispra indica come spreco alimentare la parte di produzione che eccede i fabbisogni nutrizionali e le capacità ecologiche e acclude a esso elementi edibili basilari ma poco considerati: come sprechi per «non rese» produttive e perdite prima dei raccolti, sovralimentazione nel consumo, perdita nutrizionale, perdite nette di prodotti usati in allevamenti, usi industriali ed energetici, sprechi di acqua potabile. Dal documento s’evince pure nei sistemi alimentari locali, ecologici, solidali e provenienti da piccole aziende, lo spreco è mediamente otto volte inferiore a quello delle imprese agricole di grandi dimensioni.

Twitter @fabioditodaro

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28851 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 292 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25572 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28850 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28852 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9574 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13732 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28846 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28848 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28847 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28849 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14053
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY