Wise Society : Referendum anti trivelle: arriva l’inno in sette lingue
ARTICOLI Vedi tutti >>

Referendum anti trivelle: arriva l’inno in sette lingue

"Si mori u mari", realizzato dalla formazione dei Ciauda con il patrocinio del Movimento nazionale No Triv e Legambiente, è il videoclip che invita a votare sì al referendum

Mariella Caruso
5 aprile 2016

Una scena del videoclip musicale, "Si mori u mari" inno per il sì al referendum anti trivelle«Il mondo è nelle mani di multinazionali e di gente assetata di oro nero e potere, gente che paga tutto, anche il tuo silenzio. Esistono energie alternative che potrebbero salvare il mondo e sono quelle che vengono tenute nascoste da chi teme una perdita dei propri profitti e continua a succhiare sangue alla nostra terra. È ora di dire basta. Noi abbiamo deciso di metterci la faccia». Emanuele Di Giorgio, cantautore e musicista catanese e leader della formazione siculo-africana Ciauda non usa mezzi termini. E la faccia e la voce per il referendum anti trivelle le ha messe nel brano e nel video “Si mori u mari” (Se muore il mare), da oggi online sul canale You Tube della formazione Ciauda, sul profilo Facebook del gruppo, nonché sulle piattaforme digitali del Coordinamento nazionale No Triv e di Legambiente che hanno dato il loro patrocinio.

Un videoclip che è un inno al mare, alla sua forza vitale e può, a buon diritto, essere definito l’inno del Sì al Referendum abrogativo del 17 aprile.  La canzone “Si mori u mari”, in sette lingue (italiano, francese, arabo, spagnolo, giamaicano, siciliano e wolof) è nata dalla volontà di alcuni componenti della formazione Ciauda (il cantante e chitarrista Di Giorgio, il raggamuffin Giamà e il cantante Mara Diop) in collaborazione con altri artisti di stanza a Milano: la cantautrice Paola Passarello, i cantautori Angelo Merlino, Ignazio Tornabene, Rosario Venuti, il rapper peruviano Castillo Alejandro, il rapper marocchino Hafiz, il chitarrista Monsier Le Chef, il batterista Alberto Mascianà, il bassista Mosè Fiorin, la flautista Chiara Maturo, la sassofonista Alma Marion Pantano Macaluso.

Il brano, sostenuto dall’Usb è un lavoro corale e partecipato, con una sceneggiatura ideata dal regista e da Massimo Malerba in cui una ragazza viene interamente ricoperta e risucchiata dal petrolio. Si tratta però, solo di un brutto sogno e, grazie a un girotondo di anime belle, lei si sveglia e comincia a ripetere, come un mantra “Si mori u mari, mori la terra, si mori u mari mori lu munnu”.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25724 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25725 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6297 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 510 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 309 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25372 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7976 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25723 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25730
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY