Wise Society : Recuperare le reti da pesca trasformandole in calze, costumi da bagno e biancheria
ARTICOLI Vedi tutti >>

Recuperare le reti da pesca trasformandole in calze, costumi da bagno e biancheria

È questa l'idea alla base del progetto internazionale “The Healthy Seas, a Journey from Waste to Wear”: trasformare le reti dismesse, che rappresentano un decimo di tutti i rifiuti marini e una seria minaccia per gli animali, in capi d'abbigliamento etici e sostenibili

Francesca Tozzi
2 aprile 2013

Recuperare le reti da pesca alla deriva e trasformarle in capi d’abbigliamento, riducendo i rifiuti solidi presenti nei mari attraverso il riciclo del materiale da pesca abbandonato. È questo l’ambizioso obiettivo del progetto internazionale “The Healthy Seas, a Journey from Waste to Wear” promosso da un’azienda italiana: Aquafil, da un’olandese: Star Sock e dal centro di competenza europeo per la biodiversità e la sostenibilità ECNC Land & Sea Group. Le reti recuperate saranno trasformate in Econyl®, materia prima utilizzata per ricreare prodotti nuovi, come calze, costumi da bagno, biancheria intima e tappeti.

Un’idea non solo originale quella di coniugare abbigliamento sostenibile e riciclo delle reti ma quanto mai opportuna dato che le attività di pulizia dei mari e delle spiagge spesso si limitano al recupero delle bottiglie e dei sacchetti di plastica che, come è ormai noto, causano la morte per soffocamento delle tartarughe. Le reti sono altrettanto pericolose: secondo una ricerca congiunta di FAO e UNEP le reti dismesse abbandonate alla deriva negli oceani rappresenterebbero un decimo di tutti i rifiuti presenti in mare; circa 640.000 tonnellate destinate a rimanere nell’ecosistema marino per centinaia di anni, provocando la cattura accidentale di delfini, tartarughe e molti altri animali marini che spesso muoiono intrappolati tra le maglie.

 Per far fronte a questa emergenza verranno attivate le tre fasi del progetto i cui dettagli saranno resi pubblici entro la fine di aprile 2013. Nella prima le azioni di recupero saranno applicate in tre aree costiere europee: Mare del Nord (Paesi Bassi e Belgio), Mare Adriatico (Italia, Slovenia e Croazia), Mar Mediterraneo (Spagna). Nella seconda si individueranno le procedure atte a scoraggiare l’abbandono in mare delle reti e a facilitarne il recupero. Nella terza, infine, saranno sviluppate, e proposte a governanti e legislatori, azioni di sensibilizzazione dell’opinione pubblica. A tal proposito sarà creato un “Healthy Seas Fund” che finanzierà iniziative, eventi e corsi sulla salvaguardia dell’ambiente marino.

Foto di LellaViola/flickr

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20411 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6921 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20410 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 878 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7603 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2699 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3954 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11096 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20409 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 126 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 566 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 579 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3527
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY