Wise Society : Dalla barriera corallina nasce la nuova crema solare
ARTICOLI Vedi tutti >>

Dalla barriera corallina nasce la nuova crema solare

Un gruppo di scienziati australiani ha scoperto come replicare i filtri anti raggi ultravioletti dei coralli mettendoli a disposizione della cosmetica

28 agosto 2013

Photo by Phil CamillE’ incolore e inodore e può resistere ai raggi ultravioletti del sole, sia a quelli UVA che a quelli UVB responsabili dei tumori alla pelle. Ma la nuova crema protettiva solare non è stata realizzata in laboratorio facendo uso di agenti chimici, né di coloranti, ma utilizzando la naturale difesa dal sole dei coralli della barriera corallina australiana, gli stessi che da qualche milione di anni resistono al caldo e martellante sole del nuovo continente.

Merito degli studiosi dell’Agenzia nazionale australiana per la ricerca (CSIRO) i quali, dopo aver studiato a fondo le ricerche condotte negli ultimi 20 anni dai loro colleghi dell’Istituto Australiano di Scienze Marine (AIMS), hanno lavorato per adattare lo schermo solare del corallo a quello degli uomini creando una gamma di 48 nuovi filtri solari.

«L’impianto molecolare dei filtri protettivi dei coralli è molto complesso» come racconta lo scienziato Mark York. «Ma la vera sfida è stata quella di modificarli in modo da renderli resistenti sia ai raggi UVA che UVB e a renderli unici».

York e il suo team di ricercatori, dopo due anni di studi condotti in collaborazione con Larissa Bright -l’ intraprendente titolare dell’omonima ditta australiana di cosmetici – sono arrivati a questo sorprendente risultato. “Volevamo convertire il naturale metodo di difesa ai raggi del sole del Queensland dei coralli, in una sana ed efficace crema solare per gli uomini. Riteniamo che questi nuovi filtri, che replicano lo schermo protettivo che i coralli hanno sviluppato durante milioni di anni, rappresentino una nuova frontiera per la difesa dai raggi solari”, commenta Larissa Bright.

Per trovare in commercio il nuovo prodotto bisognerà però attendere 5 anni.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 875 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21227 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3010 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21228 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6872 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6876 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6875
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY