Wise Society : Contro il rischio idrogeologico arriva la Carta per l’Italia
ARTICOLI Vedi tutti >>

Contro il rischio idrogeologico arriva la Carta per l’Italia

A lanciarla i geologi italiani riuniti a congresso a Napoli che chiedono un legge nazionale che individui il patrimonio geologico italiano e lo protegga alla pari di quello culturale

28 aprile 2016

Alluvione novembre 1966, Firenze, Italy - Image by © Vittoriano Rastelli/CORBISSi chiama Carta per l’italia ed è il documento in dodici punti presentato oggi a Napoli e che mette per iscritto le proposte che i geologi italiani rivolgono alle istituzioni. Rischio sismico, fascicolo del fabbricato, una maggiore informazione sia su come comportarsi in caso di eventi catastrofici naturali sia su come prevenire il rischio di frane, alluvioni, smottamenti. Ma non solo: i geologi italiani chiedono anche anche una Legge nazionale che individui il patrimonio geologico italiano e lo protegga alla pari di quello culturale e l’aggiornamento delle norme sulle attività estrattive.

«Serve un piano per il rischio idrogeologico – dice Francesco Peduto, presidente nazionale dei Geologi – Il 70% delle frane europee avviene nel nostro Paese. È una nota complessa che consegnamo alla politica da cui abbiamo avuto attenzione, speriamo ora di poter fare un percorso insieme a loro». In Italia, evidenzia, «manca una legge organica sulla difesa del suolo, su interventi non strutturali. È quanto meno opportuno provvedere alla prevenzione del rischio». Ma Peduto rilancia la necessità di istituire la figura del geologo territoriale, una «sentinella» sul territorio. «Si tratta di tecnici esperti e specializzati – spiega – e qualcosa qui in Campania è stato fatto perché qualche anno fa, l’Ordine dei geologi della Campania, insieme con gli ingegneri, ha siglato un’intesa con l’Assessorato regionale alla Protezione civile e oggi abbiamo un centinaio di professionisti specializzati, anche se materialmente non sono ancora entrati in azione».

Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti interventuo all’evento che si concluderà sabato 30 aprile ai campi Flegrei ha invece insistito sull’importanza del lavoro del geologo caldeggiando l’idea della presenza del geologo nelle scuole: «Il lavoro del geologo può essere la professione del futuro nell’ambito di quella filiera virtuosa della ‘green economy’ che già rappresenta una realtà occupazionale per tanti giovani ma sarà sempre di più lo sbocco lavorativo di molti ragazzi. E’ certamente bella l’idea di un geologo che spieghi ai ragazzi – ha continuato Galletti  – con parole semplici ed esempi concreti, i problemi del nostro territorio e cosa fare per prendersene cura.  L’educazione ambientale è la grande sfida culturale di questo governo e del ministero che presiedo. E’ giusto e direi anche necessario che all’insegnamento didattico si affianchi la “pratica” sul campo: gli studenti visitino gli impianti del riciclo e i parchi nazionali, ma li si porti anche su quel territorio complesso dove i geologi lavorano ogni giorno».

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25867 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22468 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3034 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25868 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25866 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25870 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1771 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25871 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25869 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14721
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY